Experimenter's guide to the Joe cell/capitolo decimo

Da SSLABS.

m


Experimenter's guide to the Joe cell

Libro originale in INGLESE | Libro in Italiano (PDF, 5MB, 91Pagg) | (ODT 0.2MB)
Prefazione · 00. Introduttorio 01. Capitolo primo · 02. Capito secondo · 03. Capito terzo · 04. Capito quarto
05. Capito quinto · 06. Capito sesto · 07. Capito settimo · 08. Capito ottavo · 09. Capito nono
10. Capito decimo · 11. Capito undicesimo · 12. Capito dodicesimo · Glossario · Bibliografia ·

Il Gruppo di lavoro ORIGINALE sulla cella di JOE, fondato nel 2001 dove trovare altri sperimentatori.


Capitolo 10 - Quando le cose vanno male

"Non analizzare o sperimentare troppo. Questo distruggerà l'esperimento e la sua forza creativa Orgonomica." Dr. Wilhelm Reich

Ebbene, caro lettore, stai leggendo questa parte per un certo numero di motivi, alcuni sono:

  1. Hai sempre letto un libro o appunti da copertina a copertina prima di iniziare a realizzare un progetto. Grande, buona idea, continua a leggere.
  2. Sei uno scienziato di fama e stai leggendo queste informazioni per vedere come queste possano rientrare nelle tue opinioni cervellotiche sul soggetto. Buona fortuna e spero che, se trovi qualcosa su cui contribuire, tu lo faccia gratuitamente ed in amore fraterno.
  3. Stai leggendo questo capitolo perché hai costruito una cella di Joe seguendo altri metodi e stai cercando un veloce correttivo. Ti raccomando caldamente di leggere e comprendere tutti i capitoli precedenti, dal momento che potresti avere una cella fuori standard e sarebbe meglio costruire una nuova cella.
  4. Sei qui perché hai seguito esattamente tutti i miei suggerimenti, e la tua auto non funziona con la cella.

Tra tutti quelli di cui sopra, sono interessato solo ai lettori di cui all'ultimo punto.

Approccio al problema
Tutti i problemi, a prescindere dalla complessità, possono essere risolti in modo metodico e razionale. Se sembra insormontabile, spezzalo in sezioni più piccole e convenienti su cui trattare. Ciascuna di queste parti più piccole deve coprire solo un tema. Accertati di avere una conoscenza operativa sull'argomento. Prenditi tempo, e cerca qualcun'altro con cui parlare riguardo alle soluzioni e l'approccio scelti da te. E' importante che tu cambi solo una variabile alla volta! Se tu cambi variabili in modo incontrollato o senza annotare le tue osservazioni, alla fine del giorno ti troverai peggio rispetto a quando sei partito. Ti suggerirei di suddividere il tuo problema nelle categorie seguenti.

Categorie per individuare guasti:

  1. L'acqua.
    • 1a. Manutenzione della cella.
  2. Costruzione della cella.
  3. L'operazione di caricamento.
  4. Montaggio della cella nell'auto.
  5. Modifiche all'auto.
  6. Posizione geografica.
  7. Il fattore "Y".


WHEN THINGS GO WRONG Do not over analyse or overexperiment. This will destroy the experiment and it's creative Orgonomic force. Dr. Wilhelm Reich Well, my dear reader, you are reading this section for any of a number of reasons, some are: A. You always read a book or notes from cover to cover before you start a construction project. Great, good idea, read on. B. You are an armchair scientist and you are reading this information to see how it fits in with your own pet opinions on the subject. Good luck and I hope, if you find something to contribute, you will do so freely and in brotherly love. C. You are reading this chapter because you have made a cell by other methods and are looking for a quick fix. I would strongly recommend that you read and absorb all the previous chapters, as you may have a borderline cell and it may be better to construct a new cell. D. You are here because you have followed exactly, all my suggestions, and you car will not run on the cell. In the above, I am only interested in reader D. Approach to the problem All problems, irrespective of complexity, can be solved in a methodical, rational fashion. If it looks insurmountable, break it down into convenient smaller sections that you can cope with. Have this smaller section cover one topic only. Make sure that you have a working knowledge of the topic. Take your time , and have somebody else to talk with regarding your chosen solution and approach. It is important that you change one variable at a time only! If you change variables in a haphazard method or without recording you observations, at the end of the day, you will be worse of than when you started. I would suggest that you break up your problem into the following topics. Fault finding topics 1. The water. 1a. Cell maintenance. 2. The cell construction. 3. The charging operation. 4. Cell-to-car interface. 5. Car modifications. 6. Geographic location. 7. The Y factor.

1. L'acqua

Il problema singolo più comune che puoi incontrare è l'acqua. Come Joe ha ribadito in molte occasioni, "l'acqua si guasta": non è una spiegazione scientifica, ma chiarisce bene. Così, quali sono i problemi che possono assillare l'acqua?

  • A. L'acqua è morta o inquinata già dalla partenza? Se hai raccolto, trasportato e immagazzinato l'acqua personalmente, dovresti conoscere la sua storia. Rileggi il Capitolo 8. Se ancora hai dubbi sulla tua acqua, prova a fare così. L'Orgone si accumula nell'acqua e pertanto quando travasi l'acqua fuori dalla cella, mantieni la carica in essa. Dunque se tu, o un tuo amico ha una cella buona, cioè che si trova allo stadio 3, puoi sostituire l'acqua nella cella sospetta. Ora dando elettricità alla cella sospetta, entro 1 minuto la tua cella dovrebbe trovarsi allo stadio 3. Se la cella sospetta non giunge allo stadio 3, l'acqua non era il problema! Quello indicato è di gran lunga il modo più facile per testare una cella sospetta. Sfortunatamente, hai bisogno di un'altra cella o di aiuto esterno. Ecco perchè suggerisco che un gruppo tenga sempre una cella di prova allo stadio 3 indefinitamente per l'uso dei membri. Tutto quello che occorre è che il "custode della cella" fornisca ad essa giornalmente 1 minuto di "cibo". Tu puoi anche avere un timer automatico che applica 12 Volt alla cella per 1 minuto ogni 24 ore e così puoi lasciarla sola in un posto opportuno. Io ho mantenuto una cella di prova allo stadio 3, seguendo i principi appena esposti, per oltre un anno, e l'idea funziona bene.

Note.
Non lasciare l'acqua caricata fuori dalla sua cella per oltre 1 ora perchè non sta producendo. Ho scoperto che quando uso acqua che ho in magazzino da almeno 6 mesi circa, quando l'uso per riempire nuove celle, ottengo un piccolissimo deposito biancastro sul fondo della cella. A parte questo, tutto il resto funziona bene, ottenendo comunque una cella in produzione allo stadio 3. I miei fiaschi in Pyrex da 20 litri li deposito nel garage e sono esposti alle auto, rumori, luce fluorescenti, musica, ecc. Io ora ho modificato i tappi sui fiaschi in maniera che l'acqua possa respirare. Inoltre ho reso i fiaschi "impermeabili alla luce" con una copertura di feltro di lana 100% di color viola. Questo può aiutare.
Ho scoperto che l'acqua giovanile "invecchiata" può essere riattivata con varie forme di modificatori d'acqua. Io uso un dispositivo speciale che genera vortici nell'acqua ed ho scoperto che una cella che non ne vuol sapere di andare allo stadio 2 da oltre una settimana, procede allo stadio 3 in due giorni! Questa è una bella novità per le persone che devono percorrere lunghe distanze per ottenere la loro acqua. Ovviamente, la cattiva notizia è che tu hai bisogno di un "galvanizzatore" simile a quello che io uso, oppure puoi voler provare i vari strutturatori d'acqua che trovi in commercio per scoprire quale funziona. Io lo ripeto ancora che è molto pià facile lasciare Madre Natura a fare il lavoro per te, piuttosto che tu spenda centinaia di euro senza garanzie di risultato. Ho indicato questo aspetto nel caso che tu stia già usando uno "strutturatore d'acqua" per motivi di salute. In questo caso provaci, non hai niente da perdere.

  • B. E' cambiato il pH della tua acqua? Semplicemente misura il pH nell'acqua della cella. La lettura dovrebbe essere la stessa. Altrimenti o i cilindri o gli isolanti stanno cedendo e reagendo con l'acqua e l'elettrolito. Accertati di aver seguito le raccomandazioni dei capitoli precedenti sulle fasi di caricamento e scelta dei materiali per i cilindri ed gli isolanti.
  • C. E' limpida l'acqua? Come nel punto B., i cilindri o gli isolanti stanno cedendo. Oppure la cella è entrata in una modalità di funzionamento di creazione materia. Perché questo argomento è molto controverso e non pertinente ai nostri scopi, la tua unica possibilità è di smontare completamente, lucidare e pulire la cella e/o sostituire gli isolanti. Riempila con acqua giovanile fresca. Procedi nelle fasi di caricamento dell'acqua come nel Capitolo 9.
  • D. Ci sono depositi nel fondo della cella? Vedi i punti B. e C. sopra.
  • E. Gli indicatori dello stadio 3 di produzione appaiono ancora gli stessi? Leggi il Capitolo 9 e accertati che la forma delle bolle ed il menisco siano gli stessi, ed in particolare il mantenimento della produzione di bolle nel lungo termine. Di nuovo, se tutto il resto fallisce, prova a controllare il voltaggio.
  • F. Hai spostato la cella ed ora si trova in una fascia a bassa densità di Orgone? Accertati che la cella sia allo stadio 3. Leggi il Capitolo 9.
  • G. Hai sbadatamente cortocircuitato la cella o scambiato la polarità su essa? Guarda se riesce a tornare allo stadio 3 applicandogli elettricità per 1 minuto. In caso negativo smontala, lucida e pulisci tutti i componenti. Riempi con acqua giovanile fresca. Segui gli stadi di caricamento del Capitolo 9.
  • H. Hai lasciato morire il seme? Leggi il Capitolo 9. Procedi attraverso la fase 1, fase 2, fase 3. La cella potrebbe andare allo stadio 2 o addirittura allo stadio 3 entro 3 minuti.
  • I. La cella è crollata in un qualunque stadio? Prova dandogli elettricità per 1 minuto e guarda se la cella raggiunge lo stadio 3. Se non ci riesce, smonta, lucida e pulisci tutti i componenti. Riempi con acqua giovanile fresca. Segui gli stadi di caricamento del Capitolo 9.


The single most common problem that you will encounter is the water. As Joe remarked on many occasions, the " water goes bad ". Not a scientific explanation, but well said. So, what are some of the problems with the water? A. Is the water dead or polluted right from the start? If you collected, transported and stored the water personally, you should know its history. Re-read Chapter 8. If you still doubt your water, try the following. Orgone accumulates in water, and as such, when you transfer the water out of the cell, you take the charge with it. Therefore, if you, or an acquaintance has a good, ie. stage 3 cell, the water can now be substituted into the suspect cell. On now powering up the suspect cell, within 1 minute you cell should be at stage 3. If the suspect cell does not come up to stage 3, the water is not at fault! The above is by far the easiest way to test a suspect cell. Unfortunately, you will need another cell or external help. That is why I suggest that a group can keep a test cell at stage 3 indefinitely for the use of the members. All it requires is that the " cell keeper " gives the cell a daily 1 minute " feed ". You could even have an automatic timer that applies 12 Volts to the cell for 1 minute every 24 hours and just leave it alone in a suitable location. I have kept a test cell at stage 3, on the above principles for over a year, and the idea works fine. Note. Do not leave the charged water outside its cell for longer than 1 hour as it is not breeding. I have found that when I use water that I have stored for longer than about 6 months, on using it to fill new cells, I get a very light off-white residue in the sump of the cell. All else works okay, ie., a normally breeding stage 3 cell. My 20 litre Pyrex flasks are stored in the garage and are exposed to cars, noise, fluorescent lights, music, etc. I have now modified the flask caps so that the water can breathe. Also the flasks have been made " light tight ", with a jacket made of purple 100% wool felt. This may help. I have found that the " old " juvenile water can be reactivated by various forms of water modifiers. I use a special water vortex device and have found that a cell that did not want to go stage 2 for over a week, went stage 3 in 2 days! This is great news for people who have to travel considerable distances to obtain their water. Of course, the bad news is you need a " gismo " like I use, or you may want to try various commercial structured waters to find one that works. I will again say, that it is far easier to let Mother Nature do the work for you, rather than you outlaying hundreds of dollars with no guarantees. I mentioned the above in case you were already using a water " modifier " for health reasons. If so, give it a try, you have nothing to lose. B. Has the pH of your water changed? Simply run your pH test on the cell water. The reading should be the same. If not either the cylinders or the insulators are breaking down and reacting with the water and electrolyte. Make sure that you followed charging, insulator and cylinder material type recommendations in previous Chapters. C. Is the water clear? As in B., the cylinders or insulators are breaking down. Or the cell has gone into a base matter creation mode. As this topic is highly controversial and not pertinent to this subject, your only option is to completely dismantle, polish and clean the cell and/or replace the insulators. Fill with fresh juvenile water. Go through charge stages as per Chapter 9. D. Is there any residue in the sump? As in B. and C. above. E. Are the stage 3 breeding indicators behaving the same? Read chapter 9 and make sure that the behaviour of the bubbles and meniscus are the same, especially the long term bubble retention. Again, if all else fails try the voltage check. F. Have you changed locations and the cell is now sitting in a low density Orgone strip? Make sure that the cell is at stage 3. Read Chapter 9. G. Have you accidentally shorted out the cell or reversed polarity to it? See if it goes back to stage 3 if you apply power to it for 1 minute. If not dismantle, polish and clean all components. Fill with fresh juvenile water. Go through charge stages in Chapter 9. H. Have you allowed the seed to die? Read Chapter 9. Go through stage 1, stage 2 and stage 3 processes. The cell may go to stage 2 or even stage 3 within 3 minutes. I. Has the cell fallen over at any stage? Try a 1 minute charge and see if the cell goes to stage 3. If not, dismantle, polish and clean all components. Fill with fresh juvenile water. Go through charge stages in Chapter 9.

1a. Manutenzione della cella.

Ho constatato che dopo che una cella è stata in produzione per circa 6 mesi, anche se non ci sono segnali esterni di malfunzionamento, cioè la cella sta producendo allegramente, è una buona idea fare l'equivalente del cambio olio e ingrassaggio. Puoi riscontrare uno o più dei seguenti:

  • C'è un leggero deposito sui cilindri in particolare sul lato esterno dei cilindri da 1 e da 2 pollici.
  • I cilindri possono essersi disallineati a causa delle vibrazioni, cioè è stato perso l'allineamento tra loro in cima.
  • Se hai usato isolanti di gomma, puoi scoprire che questi hanno prodotto una qualche forma di percorso conduttivo.
  • Alcuni degli isolanti, in particolare quelli in cima verso l'interno, possono avere su di essi un deposito biancastro o grigiastro.
  • Ci possono essere sottili sospensioni o colloidi verso il fondo della cella.
  • Può esserci una lieve indicazione di un sedimento marrone in cima all'acqua.
  • Alcune parti metalliche della cella possono essersi magnetizzate.
  • L'isolante inferiore del bullone può essersi consumato e potrebbe far perdere acqua.
  • Le connessioni elettriche alla cella possono essersi allentate o corrose.
  • La connessione tra l'ugello ed il tubo di alluminio potrebbe essersi allentata.
  • Il piccolo pezzo di tubo in gomma o neoprene sul tassello cieco potrebbe essersi invecchiato.

I rimedi per tali problemi si spiegano da sè. L'unico veramente difficile è quello se la cella si è magnetizzata. Puoi essere in grado di smagnetizzare la cella, o al peggio, può darsi che tu debba sostituire o sottoporre a trattamento termico i cilindri incriminati. Dopo che hai smagnetizzato la tua cella, individua per essa un posizionamento migliore, oppure il problema si ripresenterà ancora!

Io faccio manutenzioni regolari ogni 6 mesi sulle mie celle. I passi che svolgo sono i seguenti: travaso l'acqua carica in un contenitore in vetro da 5 litri e lo metto in una zona buia ed al fresco. Ovviamente il cilindro di vetro è pulito e usato solo per il tuo lavoro sulle celle di Joe! Ricorda che hai approssimativamente 1 ora per rimettere l'acqua carica in una cella inseminata ed in produzione. Successivamente smonto la cella e pulisco tutte le superfici con acido acetico leggero. Ho notato che non è necessario rilucidare i cilindri, ma tu puoi farlo se questo ti fa stare meglio. Io ruoto ogni isolante in gomma di 180 gradi così uso una superficie fresca senza sformature. Io lubrifico il mio bullone e gli isolanti associati con Vasellina e rimonto la cella. Questa volta l'acqua carica ha atteso circa mezz'ora nel contenitore di vetro e la maggior parte dei sedimenti si sono posizionati sul fondo del contenitore provvisorio di vetro.

Io ora ritravaso l'acqua carica nella cella usando un filtro in carta per caffè per intrappolare qualunque sedimento. Io mi fermo nell'operazione di travaso dell'acqua carica verso la cella quando la prima goccia d'acqua con sedimenti inizia a lasciare il contenitore di vetro. Quest'acqua la butto oppure la analizzo a mio divertimento. Io ora rabbocco fino alla cima la cella con acqua giovanile fresca e connetto la cella alla sorgente di elettricità. Nel giro di secondi dovresti vedere una brillante nuvola bianca che si sviluppa in cima all'acqua. Questo è un residuo dell'acido acetico che tu hai usato per pulire la cella. Io lo rimuovo semplicemente spolverando la cima della superfice dell'acqua con un tovagliolo di carta. Entro 1 minuto la tua cella sarà tornata allo stadio 3. Ecco tutto, hai appena completato la manutenzione dei 6 mesi.

Note. Lo ripeto ancora nel caso tu abbia dimenticato, che tutta l'acqua, contenitori, imbuti, ecc. devono entrare in contatto solo con acqua giovanile nelle operazioni di pulizia o travaso dell'acqua per la manutenzione della cella. Basta una piccolissima quantità d'acqua di rubinetto che sia stata "migliorata" dalla buona e vecchia civiltà umana ad uccidere la cella! Non incolparmi se per la tua pigrizia devi ripartire di nuovo dallo stadio 1.


I have found after a cell has been in operation for about 6 months, although there is no external indications of malfunction, ie. the cell is happily breeding, it is a good idea to do the equivalent of an oil change and grease. You may find one or more of the following:

  • There is a light deposit on the cylinders particularly the outside of the 1 inch and 2 inch.
  • The cylinders may have sagged from the vibration, ie. they are not flat on the top horizontal

alignment..

  • If rubber insulators are used, you will find that they may have developed a set or a conductive path.
  • Some of the insulators, particularly the inner top ones, may have a light white or grey deposit

on them.

  • There may be a slight suspension or colloid towards the bottom of the cell.
  • There may be slight indications of a brown sediment on top of the water.
  • The cell metal parts may have become magnetised.
  • The lower insulators for the bolt may have shrunk and could be weeping.
  • The electrical connections to the cell may be loose or corroded.
  • The compression fitting for the aluminium pipe may be loose.
  • The short piece of rubber or neoprene hose to the blanking plug may have aged.

The cures for the above are self explanatory. The only difficult one is if the cell has become magnetised. You may be able to degauss the cell, or at worst, you may have to have the offending cylinder replaced or heat treated. After you demagnetise your cell, find a better location for it, or it will only happen again! I do a regular 6 month service on my cells. The steps I perform are as follows: I pour out the charged water into a 5 litre glass container and put it in a cool dark area. Obviously the glass cylinder is clean and only used for your Joe cell work! Remember you have approximately 1 hour to replace the charged water back into a seeding and breeding cell. I next dismantle the cell and clean all surfaces with mild acetic acid. I find that it is not necessary to repolish the cylinders, but you may do so if it makes you feel better. I rotate any rubber insulators 180 degrees so as to use a fresh surface with no set. I lubricate my bolt and associated insulators with Vaseline and reassemble the cell. By this time, the charged water has been sitting for about half an hour in the glass cylinder and most of the sediment has settled to the bottom of the temporary glass container. I now pour the charged water back into the cell using a paper coffee filter to catch any sediment. I stop pouring the charged water into the cell when the first drops of water with the sediments starts to leave the glass container. This water I discard or have analysed to amuse myself. I now top up the cell with fresh juvenile water and connect the cell to the power supply. Within seconds you will see a fine white cloud develop on top of the water. This is the residue of the acetic acid that you used to clean the cell with. I remove this simply by wiping the top of the water surface with a paper towel. Within 1 minute your cell will be back at stage 3. That's it, you have just completed you 6 month service. Note. I will repeat again in case you have forgotten, that all water, containers, funnel, etc. must have only juvenile water used in the cleaning or transferring of water for the cell maintenance. It requires a very small quantity of tap water that has been " enhanced " by good old mankind to kill the cell. Don't blame me if you have to start at stage 1 again by being lazy.

2. Costruzione della cella

Non c'è bisogno di dirlo, tu dovresti aver seguito alla lettera i Capitoli sulla costruzione della cella. Se non lo hai fatto, tu ovviamente sai come realizzare un diverso tipo di cella e questi appunti non saranno adatti al 100%, oppure hai scelto di essere creativo, risparmioso, avventato, ben compiaciuto nel momento sbagliato.

Lo ripeto, non stai costruendo un tostapane! Stai cercando di indurre la forza della vita a lavorare per te. Tu non puoi catturare la forza della vita in una gabbia. Essa entra ed esce quando lo ritiene opportuno. Essa può penetrare tutti i materiali! Così per trattenerla tu devi usare geometrie naturali e matematiche, alcune dimensioni non sono critiche ma altre misure devono essere "accurate al punto".


Needless to say, you should have followed the cell construction Chapters to the letter. If you did not, you obviously know how to make a different type of cell, and these notes will not be 100% relevant, or you have chosen to be creative, frugal, haphazard, or slap happy at the wrong time. I repeat, you are not making a toaster! You are trying to induce the life force to work for you. You cannot capture the life force as in a cage. It will enter and exit as it sees fit. It can penetrate all materials! So to contain it you must use natures geometry and mathematics, some dimensions are not critical but other dimensions have to be " spot-on ".

Se la cella funzionava allo stadio 3 ed ora non produce.

  • A1. Un problema comune è che i cilindri della cella si sono mossi a causa di maneggi bruschi, vibrazioni, oppure a causa di isolanti dal diametro sbagliato. La soluzione è smantellare e riallineare. Accertati di avere le mani pulite!
  • A2. Un'altro problema comune è il ricoprimento dei cilindri ed isolanti con residui di vario genere. Questo è visibile nella cella smontata, come un film facilmente rimovibile sui cilindri ed isolanti. In questo caso trattala come se fosse una cella morta e smontala, lucida e pulisci tutti i componenti dopo aver trovato la causa del problema. Le cause solite sono materiale di saldatura sbagliato o sciolto, tipo di materiale dei cilindri sbagliato, tipo di materiale degli isolanti sbagliato, oppure problemi all'acqua come nella sezione 1. sopra. Riempi con acqua giovanile fresca e parti allo stadio 1.
  • A3. Il materiale della cella si è magnetizzato posizionando la cella vicino ai cavi d'accensione oppure ad altri cavi che portano elevate correnti come cavi Hi-Fi, cavi agli antinebbia, oppure cavi per illuminazioni strane, cavi per l'argano, ecc. In questo caso, cerca con il tuo magnete di test il componente od i componenti magnetizzati e sostituisci, tratta termicamente o smagnetizza i componenti incriminati. Un posizionamento sotto una cappa che scalda provoca problemi simili. Dopo aver aggiustato la cella, riposiziona la cella oppure gli elementi offensivi.
  • A4. Gli isolanti oppure i cilindri sono mangiati ad un certo grado. Questo lo noti dal cambiamento di colore dell'acqua. Se hai seguito le mie istruzioni, questo non succederà. Il problema è causato dalla combinazione incompatibile dell'acciaio o degli isolanti con l'elettrolito dell'acqua. In ogni caso, tratta la cella come se fosse morta, rimpiazza i componenti difettosi, ecc. come in A2.


If the cell was working at stage 3 and now will not work. A1. A common problem is that the cell cylinders have moved due to rough handling, vibration, or the wrong diameter insulators. The fix is a dismantle and re-alignment. Make sure that you hands are clean! A2. Another common problem is the covering of the cylinders and insulators with various residues. This can be seen on the dismantled cell, as an easy removable film on the cylinders and insulators. In this case treat as a dead cell and dismantle, polish and clean all components after finding the cause of the problem. The usual causes are wrong welding material or flux, wrong cylinder material type, wrong insulator material type, or water problems as in section 1. above. Fill with fresh juvenile water and start at stage 1. A3. The cell material has been magnetised by locating the cell near starter cables or other high current-carrying wiring eg. Hi-Fi wiring, fog lamp or other types of ancillary lights' wiring, winch wiring, etc. In this case, find the magnetised component or components with you test magnet and replace, heat treat or de-magnetise the affected components. A hot under bonnet location will cause similar problems. After fixing the cell, relocate the cell or the offending items. A4. The insulators or the cylinders are eaten away to some degree. You will pick this up in the discolouration of the water. If you followed my instructions, this will not occur. The problem is incompatible steel or insulators with the water electrolyte combination. In any case, treat the cell as dead, replace faulty components, etc. as in A2

Se la cella non ha mai funzionato allo stadio 3.

  • B1. Tipo del materiale dei cilindri. Come detto nel Capitolo 6, il materiale che tu usi è determinante nelle tue prime fasi di apprendimento. Tutti i 316L non sono uguali! Rileggi il Capitolo 6.
  • B2. La dimensione dei cilindri nella cella è sbagliata. Rileggi il Capitolo 6 e 7. I cilindri devono essere livellati nella zona critica di camera di separazione che è formata dalla cima dei tubi cilindrici interni. Ricontrolla che tutti i cilindri siano allo stesso livello. Non dovresti vedere luce quando li misuri con una tavola piatta.
  • B3. La finitura dei cilindri. Poichè i tagli della cima ed del fondo sono rifiniti al torio, questi devono essere assolutamente dolci, cioè non vi devono essere trucioli oppure incisioni di tabglio. Analogamente, non ci dovrebbero essere nessuna banda di calore dove i cilindri sono stati tagliati. La superficie della parte rimanente dei cilindri non è necessario sia lisciata a specchio, ma accertati che non ci siano incisioni longitudinali oppure graffi. Se hai seguito il Capitolo 6, i cilindri saranno a posto.
  • B4. Accertati che la saldatura sia fatta come detto nel Capitolo 6. Accertati che tutte le irregolarità interne causate dal processo di saldatura siano rimosse senza arroventare eccessivamente il pezzo.
  • B5. Accertati che tutti gli accoppiamenti filettati dalla cella al motore siano contatti metallo su metallo e che le filettature non siano coperte da isolanti o nastro in Teflon, ecc.
  • B6. Accertati che la cella a tenuta d'aria. Se dai elettricità per un minuto o due alla cella e blocchi la fuoriuscita del tubo d'alluminio solo col tuo dito, sentirai il rilascio di pressione appena rimuovi il dito. Non farlo vicino a fiemme e/o gas esplosivi! Questo serve anche per controllare che la tua cella non sia un circuito aperto oppure cortocircuitata e che essa è in elettrolisi.
  • B7. Nel punto B6 sopra, i più comuni problemi elettrici sono l'innesto del bullone da mezzo pollice nel tubo da 1 pollice, e gli isolanti tra il bullone da 1 pollice ed il punto di uscita inferiore della cella.


If the cell never worked at stage 3. B1. The cylinder material type. As mentioned in Chapter 6, the material that you use is critical in you early learning stages. All 316L is not the same! Re-read Chapter 6. B2. The cell cylinder dimension is wrong. Re-read Chapter 6 and 7. The cylinders must be level at the critical chamber separation area which are formed by the tops of the internal cylindrical tubes. Re-check that the cylinders are level. You should see no light when measuring with a straight edge. B3. The cylinder finish. As the top and bottom cuts are finished in a lathe, they should be absolutely smooth, ie. no file or cutting marks. Similarly, there should not be any heat bands where the cylinders were cut. The surface of the rest of the cylinder does not have to be mirror smooth, but make sure that there are no longitudinal marks or scratches. If you followed Chapter 6, they will be okay. B4. Make sure that the welding is done as per Chapter 6. Make sure that all internal irregularities caused by the welding process are removed, without causing excessive localised hot spots. B5. Make sure that all threaded couplings from the cell to the engine is metal to metal joints and the threads are not covered in sealants or Teflon tape, etc. B7. Make sure that the cell is airtight. If you apply your power source for a minute or two to the cell and block the outlet of the aluminium pipe with you finger only, you will feel the release of pressure on removal of your finger. Do not do this near flames and/or explosive gasses! This will also check that your cell is not open circuit or shorted and that it is electrolysing. B8. In B7 above, the most common electrical problems are the push fit of the ½ inch bolt into the 1 inch tube, and the insulators between the 1 inch bolt and the lower cell exit point.

3. L'operazione di caricamento

I fallimenti possono essere suddivisi in 3 sottosezioni:

The failures can be sub divided into 3 sections:

A. Fallimento a raggiungere lo stadio 1.

Non riesci ad elettrolizzare in alcun modo l'acqua, non hai letto il Capitolo 9. Anche un cieco col suo cane può farlo. Vatti a nascondere e cerca un altro interesse! Seriamente, non molte cose possono andare storte. Se la tua sorgente di elettricità sta fornendo circa 12 Volt e se tu hai aggiunto l'elettrolito come descritto, allora tu devi avere una qualche attività con bolle (anche le piccole che sembrano una foschia bianca) nell'acqua.

Se non ci sono ancora bolle nell'acqua, connetti una lampada da auto a 12 Volt di qualunque potenza o tipo alle estremità dei cavi che hai connesso alla cella. La lampada si accenderà se la tua sorgente elettrica e i tuoi cavi sono a posto. Ora rimuovi la lampada e metti il cavo positivo sulla superficie esterna della cella ed il negativo sul bullone da mezzo pollice in connessione al cilindro da 1 pollice.

Se ancora non hai bolle, la connessione del bullone da mezzo pollice al tubo da 1 pollice è difettosa, ma questo è altamente improbabile. Ricontrolla gli isolanti che separano il bullone da mezzo pollice dal contenitore esterno. Poichè ora c'è acqua nella cella tu non sarai in grado di fare i tuoi controlli di isolamento ma dovresti ancora riuscire a leggere più di 10 Ohm di resistenza dal bullone al contenitore. Presta attenzione a misurazioni fuorvianti se la cella sta funzionando come una batteria, ed la tua lettura degli Ohm sarà inutile.


A. Failure to get to stage 1. If you cannot get the water to electrolyse at all, you have not read Chapter 9. Even blind Freddie and his dog can do this. Hang you head in shame and take up another interest! Seriously, not many things can go wrong. If your power source is putting out about 12 Volts and if you have added the electrolyte as described, then you must have some bubble activity ( even tiny ones that look like a white mist, ) in the water. If there are still no bubbles in the water, connect a 12 Volt car globe of any wattage or type to the very ends of the leads that you are connecting to the cell. The lamp will light if your power source and your leads are okay. Now remove the lamp and put the positive lead to the outside surface of the cell and the negative lead to the ½ inch bolt that connects to the 1 inch cylinder. If you still have no bubbles, the ½ inch bolt connection to the 1 inch tube is faulty, but highly unlikely. Re-check the insulators that insulate the 1/2 inch bolt from the outer container. As there is now water in the cell you will not be able to do your insulation test but you should still read more than 10 Ohms resistance from the bolt to the case. Be careful of misleading readings if the cell is acting as a battery, as you Ohm measurement will be useless.

B. Fallimento a raggiungere lo stadio 2.

Con questo intendo che la cella non si è inseminata e resta allo stadio di elettrolisi. Questo è un ostacolo molto comune!
Come spiegato, se la cella non si insemina, l'indicazione è che non ci sono cambiamenti nella dimensione delle bolle o nella tensione superficiale. Oh ragazzo mio, qui ci sono caduto parecchie volte anch'io per le seguenti cause:

  • B1. La prima e più comune è la ricopertura dei cilindri con uno strato di varie sostanze chimiche. Ai miei inizi, quando ero pigro, io univo con brasatura oppure con saldature in stagno le mie parti, e questo composto finiva su tutte le altri parti della cella a causa dell'elettrolisi. Poichè il positivo è la superficie che dona e nel nostro caso il contenitore esterno include saldature, sigillanti, ecc. questo fatto aggrava il processo di placcatura.
  • B2. Un'altro fallimento con risultante contaminazione, era l'uso di un tipo di sigillante sbagliato sull'isolante centrale per sigillare il bullone da mezzo pollice dove passa attraverso il fondo della cella.
  • B3. Analogamente, quando avevo deciso di collegare a pressione i componenti esterni della cella, ho usato sulle giunzioni un silicone cementante per guarnizioni automobilistiche. Anche questo ha finito placcando l'intera cella.
  • B4. Se l'acqua ha un odore sgradevole oppure c'è della morchia che fluttua da qualche parte, l'acqua si è guastata. Rimpiazzala con acqua giovanile fresca e torna allo stadio 1.
  • B5. Controlla che i tuoi isolanti abbiano mantenuto il colore originale che avevano al momento dell'installazione. In questo caso, se hai della gomma rossa, accertati che siano ancora rossi; se sono di silicone per tubi, accertati che siano ancora trasparenti, ecc. Gli isolanti possono andare bene per l'elettrolisi dello stadio 1, ma possono essere diventati altamente fallati per l'Orgone.
  • B6. La tua zona di lavoro oppure tu stesso potete compromettere l'inseminazione della cella. Vedi 6. e 7.
  • B7. Non stai coprendo la cella durante la notte e/o tra un esperimento e l'altro. Come spiegato precedentemente, noi vogliamo mantenere una lieve chiusura all'aria sulla cella. Questo si ottiene facilmente ponendo un coperchio sulla cella di prova oppure inserendo un tassello d'alluminio nella parte finale del tubo in gomma (nella parte che si infila sul tassello cieco sul motore). Di nuovo, devo ripetermi, NON USARE fascette stringitubo su entrambi i lati del tubo in gomma.

Il tubo in gomma deve agire come una valvola unidirezionale di sfiato per ogni pressione della cella. La pressione interna della cella deve restare molto vicina a quella atmosferica durante tutta la vita della cella.

  • B8. Sei solo troppo impaziente! Possono essere necessarie 4 settimane per inseminare la cella! Dedica alla cella solo un paio di minuti al giorno e poi va a fare qualcos'altro.
  • B9. Hai usato materiali sbagliati. Questo è già stato trattato. Per favore leggi 2.
  • B10. Hai usato acqua sbagliata. Idem. Per favore leggi 1.
  • B11. Stai usando un sistema di caricamento scorretto. Idem. Per favore leggi 3.
  • B12. Tu hai il potenziale sbagliato. Vedi il "fattore Y" della sezione 7.

Note. Per tutti i problemi in questa sezione causati dalla contaminazione della cella con depositi, dall'acqua o dai materiali: smonta la cella, lucidala, puliscila e riempila con acqua giovanile.


Failure to get to stage 2. By this I mean that the cell has not seeded and remains at the electrolysis stage. This is a very common stumbling block! As explained, if the cell will not seed, the indication is there is no change in bubble size or surface tension. Boy, oh boy, I have been here many a time myself and I suggest the following: B1. The first and most common is the covering of the cylinders with a coating of various chemicals. In my early days, when I took the lazy way out and brazed or silver soldered my casing joints, this compound ended up all over the rest of the cell due to electrolysis. As the positive is the donor surface and in our case the outer casing including welds, sealants, etc., this fact aggravated the plating process. B2. Another failure and resulting contamination, was the use of the wrong type of sealant on the central insulator for the sealing of the ½ inch bolt where it passes out through the bottom of the cell. B3. Likewise, when I decided to press fit my outer cell components, I used an automotive silicon gasket cement on the joints. This also ended up plating the whole cell. B4. If the water smells unhealthy or there is scum floating around, the water has gone bad. Replace with fresh juvenile water and go back to stage 1. B5. Check that your insulators have retained the original manufactured colours. That is, if red rubber, make sure they are still red, if silicone tubing, make sure it is still clear, etc. The insulators may be fine for stage 1 electrolysis, but may be very leaky to Orgone. B6. You working area or you may be detrimental to the seeding of the cell. See 6. and 7. B7. You are not covering the cell overnight and/or between experiments. As previously explained, we want to keep a very mild air seal on the cell. This is easily done by placing a lid on the test cell or by having a spare aluminium plug in the end of the hose where it fits onto the engine blanking plug fitting. Again, I must repeat, DO NOT use worm drive clips on both ends of the rubber coupling sleeve. The rubber sleeve must act as a one way exit valve for any pressure in the cell. The internal cell pressure must remain very close to atmospheric during operation. B8. You are just too impatient! It may take 4 weeks to seed the cell! Just spend a few minute a day with it and go and do something else. B9. You have used the wrong materials. This has already been covered. Please read 2. B10. You have used the wrong water. Ditto. Please read 1. B11. You are using the wrong charging method. Ditto. Please read 3. B12. You are the wrong potential. See " Y factor " Sect. 7 and chapter 13. Note. For all problems in this section due to contamination of the cell by deposits, water or materials, dismantle the cell, polish, clean and refill with juvenile water.

C. Fallimento a raggiungere lo stadio 3.

Questo è il fallimento della cella di produrre. Di nuovo, lo ripeto, questa è l'incapacità della cella di incrementare la densità del seme iniziale verso un più grande (ma ancora finito) limite di energia Orgone. Gli indicatori saranno l'assenza di bolle di lunga durata, non-mantenimento della tensione superficiale ed una ovvia non-operatività oppure un funzionamento ridotto.

Di solito dovresti giungere allo stadio 3 molto presto, cioè entro giorni dallo stadio 2. Un'altro modo per descrivere l'incapacità di funzionare allo stadio 3, è che la cella perde talmente la carica che nella sua posizione attuale la forza Orgone non può accumularsi in sufficiente densità per i tuoi bisogni.

  • C1. Il più comune fallimento se la cella non sta producendo, oppure se sta producendo in modo insoddisfacente, è causato da acqua impropria, da errati dimensioni construttive e materiali. Per favore accertati di aver seguito questi appunti alla lettera. Se non hai modificato o sostituito componenti, ecc. tu ovviamente sai qualcosa che io non so e se la tua cella ha funzionato, mi piacerebbe sentirlo dire da te, ma poichè stai leggendo questo e la tua cella non sta funzionando, ti suggerisco di seguire le mie istruzioni alla lettera, oppure cerca un manuale di qualcun'altro su "come costruire celle di Joe".
  • C2. Tu stesso, oppure la tua zona di lavoro, possono essere sfavorevoli al funzionamento della cella. Leggi 6. e 7.


Failure to get to stage 3. This is the failure of the cell to breed. Again, to repeat, this is the failure of the cell to keep increasing the initial seed density to a greater, but still finite, Orgone energy limit. Indicators will be a lack of long term bubble and surface tension retention and an obvious non-operation or marginal operation. Usually you will get to stage 3 very soon, ie. within days of stage 2. Another way of describing the failure of running at stage 3, is that the cell is leaky to such an extent that the Orgone force cannot accumulate sufficient density in its present location for your needs. C1. The most common fault of the cell's in not breeding, or insufficient breeding, is caused by marginal water, construction dimensions and materials. Please make sure that you have followed these notes to the letter. If you have modified or substituted components, etc., you obviously know something that I do not know and if your cell had worked, I would love to hear from you, but as you are reading this and if your cell is not working, I suggest you follow my instructions to the letter, or try somebody else's, " how to build a Joe cell " manual. C2. You, or your working area, may be detrimental to the cell's operation. Read 6. and 7.

4. Collegamento della cella all'auto.

Se cerchi guasti su questo tema, allora sai che la tua cella è allo stadio 3, ma il motore rifiuta di funzionare con la cella.


4. Cell to car interface. If you are looking for faults in this area, you know that you cell is at stage 3, but the engine refuses to run from the cell.

A1. Tubo esterno dalla cella.

Andranno bene un'enormità di diversi diametri e materiali. Io suggerirei, come Joe, che tu usi tubi di alluminio con un diametro esterno da 1 pollice, spessi 1/8 di pollice (3 mm).

A causa dell'effetto elettrolitico, il rame o inquinerà la cella, oppure degraderà sè stesso. Il piccolo pezzo di gomma o neoprene non deve avere nessuna fascetta nella parte finale infilata sul tassello cieco d'alluminio. L'idea è quella di permettere ad ogni sovrapressione di sfogarsi fuori, ma di non lasciar entrare mai l'aria. Il raccordo dovrebbe agire come una valvola monodirezionale della pressione generata nella cella a causa dell'elettrolisi.

La parte del tubo in alluminio verso il motore dovrebbe avere la tua connessione elettrica positiva fissata al tubo tramite lo stesso piccolo pezzo di tubo in gomma infilato su esso. Questa parte deve avere una fascetta per stringere il tubo di gomma e il contatto elettrico al tubo. Quello che tu stai facendo è di disporre la tua connessione positiva nel punto più lontano del tubo metallico che sfoga la cella. Il tuo polo negativo come precedente detto, andrà al telaio dell'auto (presumo che tu stia convertendo un'auto moderna con terra negativa).

La connessione del tubo all'ugello della cella deve essere a tenuta d'aria senza l'uso di sigillanti o nastro in Teflon, ecc. Il montaggio a pressione o a incastro funziona adeguatamente bene. Prova a tirare il tubo di alluminio fuori dall'ugello. Se è ben stretto, non ci dovresti riuscire. Il tuo tubo dovrebbe avere inoltre un qualche isolante attorno ad esso per impedire contatti accidentali con qualunque parte metallica dell'auto. Idealmente, anche la cella dovrebbe essere protetta allo stesso modo. Ricorda, è sufficiente un solo corto-circuito e la cella è morta!


A lot of different diameters and materials will work. I would suggest, like Joe that you use 1 inch outer diameter, 1/8 " tube thickness aluminium pipe. Due to electrolytic action, copper will either pollute the cell, or pollute itself. The short piece of rubber or neoprene must not have any clips on the end that attaches over the blind aluminium plug. The idea is to let any pressure " burp " out, but not to let any air in. The fitting should act as a one way valve to pressure from the cell caused by the electrolytic action. The engine end of the aluminium pipe should have you positive electrical connection secured to the pipe by means of the same short piece of hose being slipped over it. This end should have a clip to squeeze the hose and the electrical fitting to the pipe. What you are doing is providing your positive connection at the very end of the outlet pipe. You negative as previously described, will go to the cars body, ( we are presuming a modern car that has a negative earth system ). The pipe fitting to the top of the cell must be air tight without the use of sealants or Teflon tape, etc. The compression or threaded fitting will do a good job of this. Try to twist the aluminium pipe out of the compression fitting. If tight, you will not be able to budge it. Your pipe should also have some form of insulation around it to prevent contacts to the rest of the metallic parts of the car. Ideally, the cell should be similarly protected. Remember, just one short circuit and the cell is dead!

A2. Connessioni elettriche.

Il cavo positivo che proviene dalla parte finale del tubo d'alluminio dovrebbe essere collegato tramite un fusibile da 5 Amp alla tua cavetteria di "accensione".

Con questo, intendo che la cella dovrebbe ricevere elettricità dall'auto solo quando il motore è in funzione (ndt quando la chiave nel cruscotto si trova nella posizione di avvio/funzionamento). Alcune persone preferiscono mettere questo cavo in cascata ad un interruttore acceso/spento che mettono nel cruscotto dell'auto. Quando connetti il polo negativo all'auto, è preferibile connetterlo direttamente al blocco motore se hai dei sospetti sui cavi di terra del motore oppure sui suoi attacchi al telaio.

Ad ogni modo, quando il motore è in funzione, tu dovresti misurare 12 Volt positivi sul corpo della cella e 12 Volt negativi sul bullone centrale di fissaggio. Altrimenti, controlla i cavi, fusibile, gli interruttori, ecc.

La causa più probabile di assenza di voltaggio è un fusibile bruciato perchè hai cortocircuitato la cella. Scopri dove la cella si è cortocircuitata, rimpiazza il fusibile e accertati che la cella torni allo stadio 3. Se non ci torna, smonta la cella, puliscila, lucidala, aggiungi nuova acqua, ecc., insomma ricomincia da capo.

L'altro problema più comune riguarda l'uso di sigillanti tra cella e ugello. Questo è facile da individuare e correggere. Se tu hai 12 volt che attraversano la cella, questo non significa necessariamente che hai il tuo flusso di corrente da 1 Amp. Per controllarlo, disconnetti temporaneamente il capo negativo della tua cella dal telaio dell'auto o dal motore e metti il tuo amperometro in serie con il bullone centrale e la connessione all'auto. Dovresti leggerci un flusso da 1 Amp. Se non l'hai, hai alcune connessioni o cavi che oppongono alta resistenza, oppure la cella è difettosa. Dal momento che stai leggendo quest parte e sai che la cella non è il problema, il problema può essere imputato alla connessione col tubo d'alluminio oppure alla cavetteria.

Individua il problema passo dopo passo, accertandoti di non cortocircuitare mai la cella e di non scambiare la polarità dei collegamenti ad essa. Come detto nel Capitolo 10, 1 Amp è una quantità indicativa. Con 1 Amp la cella sta dissipando circa 13 Watt e la cella alla fine si scalderà in un lungo viaggio ed in una giornata calda. Controlla il Capitolo 10 per le raccomandazioni.


The positive wire coming from the end of the aluminium pipe should go via a 5 Amp fuse to your " ignition on " wiring. By this, I mean that the cell should only have the car power connected to it when the ignition is on. Some people prefer to run this wire via an off/on switch that is located in the car. When you connect your negative to the car, it is preferable to connect it directly to the block if you earth straps from the motor or gearbox are suspect. Either way, with the ignition on, you should measure 12 Volts positive on the cell body and 12 Volts negative on the central bolt fitting. If not, check you wiring, fuse, any switches, etc. The most probable cause of no voltage is a blown fuse because you have shorted the cell. Find you short, replace the fuse and make sure that the cell goes to stage 3. If not, pull the cell out, clean, polish, new water, etc. ie. start again. The other most common problems are the use of sealants on the compression fitting. This is easy to find and fix. If you have 12 Volts across the cell, that does not mean necessarily that you have your 1 Amp current flow. To check this, temporally disconnect the negative end of your cell from the car body or motor and put you Amp meter in series with the central bolt and the car connection. You should read your 1 Amp current flow. If not you have some high resistance connections or wiring, or the cell is faulty. As you are reading this because you know you cell is not faulty, the problem is either you aluminium pipe connection or you wiring. Locate the problem step by step, making sure that you do not short out or apply reverse polarity to the cell. As mentioned in Chapter 10, the 1 Amp is a nominal figure. At 1 Amp the cell is dissipating about 13 Watts and the cell may eventually heat up on an extended journey and a hot day. Check Chapter 10 for recommendations.

A3. Schema della cella.

Se hai realizzato una cella con l'affusolamento sbagliato del tuo cono, l'orgone si focalizzerà prima di raggiungere il motore e la cella funzionerà brillantemente al banco, ma non sarà in grado di far funzionare l'auto. L'unica spiegazione per cui questo accade è che tu non hai costruito una cella come descritto in questi appunti. Riepilogando velocemente le considerazioni sull'angolo del cono, sono altamente sospetti tutti gli angoli al vertice del cono che sono inferiori a 45 gradi.


If you have made a cell with the wrong taper to you cone, the Orgone will focus before it gets to the motor and the cell will work brilliantly on the bench, but it will not run the car. The only reason this has occurred is that you did not build a cell as described in these notes. To quickly summarise cone angles, any apex cone angle of less than 45 degrees is highly suspect.

A4. Posizionamento della cella.

Controlla come precedentemente detto che la cella sia posizionata in un punto favorevole nell'auto. E' in un posto fresco? E' livellata? E' posizionata il più possibile lontano dai cavi ad alta corrente? E' posizionata in una zona a basse vibrazioni? Non avrai fatto come alcuni scienziati impulsivi che l'avvitano al suo motore!?

Poichè l'Orgone ha una tendenza verticale appena lascia la cella, riduci i tubi orizzontali ed in discesa al minimo. Una cella posizionata nel bagagliaio, con un percorso di 4 metri verso il motore non è una grande idea. Di nuovo, una cella che non perde carica può percorrere 60 metri o più in un tubo orizzontale, ma perchè sfidare il fato?

Per quanto riguarda le esigenze della cella (ma non dei passeggeri), funziona bene come tua prima posizione temporanea della cella la zona poggiapiedi del passeggero anteriore, con un tubo attraverso la paratia ed un tubo corto (meno di 1 metro) verso il tassello cieco posizionato nel retro del motore (non V8). Per favore annota! Una cella posizionata nella zona poggiapiedi del passeggero è illegale (ndt specialmente in Italia, con la legge che proibisce qualunque modifica strutturale e interventi di personale non autorizzato!)! Così ovviamente dovrai usare quest'auto in zone private almeno fino a quando tu non l'abbia ricollaudata e non avrai le approvazioni legali.

Check as previously explained, that the cell is located in a favourable location in the car. Is it in a cool place? Is it level? Is it located as far as possible from high current wiring? Is it located in a low vibration area? Not like some rocket scientist who strapped it to his engine!!! As Orgone has a vertical preference once it leaves the cell, reduce horizontal and " down hill " pipe runs to a minimum. A cell located in the boot, with a 4 meter run to the engine is not a great idea. Again, a non-leaky cell can run 60 meters or more into a horizontal tube, but why tempt fate? As far as the cell ( but not the passenger ) is concerned, for you first cell's temporary location, the passenger foot well, with a pipe through the bulk head and a short, ( less than a meter ) pipe to the blind plug located at the rear of the engine ( non V8 ) works well. Please note ! A cell in the passenger foot area will be illegal in some areas!, so you are obviously using this car on private land until you have it legally approved.

Note.

A questo punto dell'elenco per individuare i problemi, dovresti sapere che la tua cella è nello stadio 3 e che è montata correttamente nell'auto. Così se ancora le cose non funzionano, lascia immediatamente questa sezione!

Non disfare quello che sai sta lavorando, cioè non smontare la tua cella o le connessioni associate all'auto, queste vanno bene! Lasciale stare e guarda per problemi nelle sole rimanenti categorie che non hai affrontato, cioè le sezioni 5, 6, 7. Se tu non mantieni un approccio sistematico all'installazione ed alla procedura di individuazione problemi, non sarai mai in grado di riuscire a far funzionare un'auto con la cella.


At this point of the trouble shooting list, you know that you cell is at stage 3 and that it is connected correctly to the car. So if things are still not working, leave this area alone! Do not undo what you know is working, ie. don't dismantle your cell or associated connections to the car, they are okay! Leave them alone and look for problems in the only remaining areas you have not covered, ie. Section 5, 6, and 7. Unless you keep a systematic approach to the installation and troubleshooting procedures, you will never get the cell to run the car.

5. Modifiche all'auto.

Tanto per cominciare, ripeto l'ovvio: alcune auto saranno più facili da convertire rispetto ad altre, o più importante, non tutte le persone saranno in grado di adattare tutte le auto! Così, a meno che tu sia masochista e voglia rendere la vita della tua compagna una disperazione, scegli un'auto facile! Questo, ovviamente, può non essere il vecchio macinino parcheggiato nel tuo garage. Dovresti aver già letto il Capitolo 10 prima di leggere questo. Tu stai leggendo qui perché tu SAI che la tua cella sta producendo (cioè si trova allo stadio 3), le connessioni all'auto sono a posto e i contatti elettrici pure. Tu hai avviato la tua auto a benzina e dopo che si è scaldata, tu hai o spento la pompa elettrica del carburante, oppure hai interrotto l'alimentazione del carburante alla/dalla pompa meccanica. Ora appena si consuma il carburante nei tubicini e nei vari basamenti (come nel carburatore), il motore sussulta e si ferma (per ora non sto parlando di motori alimentati ad iniezione). Questo è quello che mi aspettavo che tu provassi nella fase di transizione. Staresti veramente sfidando la sorte, se tu avvicini un'auto fredda come la pietra, blocchi l'afflusso di carburante al motore e provi ad avviarla dalla cella! Spero che tu abbia una nutrita quantità di batterie completamente cariche!

Ora esaminiamo una per una le varie possibilità: l'auto funziona, funziona irregolarmente, oppure per nulla.


For a start, I will again state the obvious, some cars will be easier to modify than others, or more importantly, not all persons will be able to modify all cars! So unless you are masochistic and want to make your friend's life a misery, choose an easy car! This, of course, may not be old faithful that is sitting in your garage. You should also have followed Chapter 10. before you read this. You are reading this because you KNOW that your cell is still breeding, ie. running at stage 3, your car connections are okay and you electrical connections are okay. You have started your car on petrol and after it has warmed up, you either have turned off the electrical fuel pump, or you have turned off the fuel to, or from, the mechanical pump. Now as the fuel is used up in the fuel bowl, or bowls, the engine falters and stops, ( at this stage, I am not talking about fuel injected motors ). That is how I would expect you to test the change over phase. You are really pushing your luck, if you walk up to a stone cold car, remove the fuel to the engine and start cranking! I hope you have plenty of fully charged batteries!

The car will either run, run erratically or not at all.

A1. L'auto non mostra alcun segno di funzionamento con la cella.

Con questo intendo che appena il motore finisce il carburante, l'auto si ferma. Molte persone cascano qui, però se la prendono con le parti sbagliate. Come detto sopra, Tu sei qui perchè sai che tutte le sezioni precedenti a questa sono a posto. Perciò restano solo le sezioni 6 e 7. Così per adesso facciamo finta che l'auto sia la colpevole.
Posso dirti per certo che una Rover V8 del 1971 partirà al primo colpo e funzionerà come un sogno. D'altra parte, una Mini Minor 1100cc non ne vorrà sapere neppure di scoppiettare la prima volta.
Perché? Ci sono molte teorie astruse al riguardo, ma essendo questi i miei appunti io ti darò la mia versione, basata sulla logica.

Nota. Ciò che segue è una teoria e potrebbe anche risultare sbagliata, ma nel modo in cui io la vedo è che l'acqua e le canne dei cilindri nel motore si comportano come un accumulatore di Orgone a singolo strato, cioè un materiale organico (acqua) circondato da cilindri non-organici (le canne). Come tale, un motore dove le canne dei cilindri sono completamente circondate da acqua sarà molto superiore rispetto ad un motore che usa canne appaiate o simili, senza il vantaggio di aver cilindri completamente circondati dall'acqua.
Considerato che attualmente la maggior parte dei motori in alluminio hanno le canne (camicie) metalliche dei cilindri pressate sul blocco, questa caratteristica permette una circolazione totale dell'acqua e completa il nostro singolo strato di accumulatore di Orgone. Inoltre questo rende il sistema più adatto a mantenere la carica dell'Orgone e facilita l'adattamento alla cella di Joe.
Ricorda, l'Orgone ama l'acqua. Questo è anche (nella mia opinione) la ragione che spiega perchè la persona che sceglie un motore raffreddato ad aria avrà più problemi rispetto a chi sceglie un motore con raffreddamento ad acqua.

Queste considerazioni spiegano perchè alcuni motori partono al primo colpo ed altri possono impiegare settimane a condizionarsi. Altri due effetti facilitano o aiutano quanto sopra.

  • Il primo è che sembra che all'Orgone piaccia di viaggiare nell'alluminio, oppure incontra più difficoltà a penetrarlo. Così ha la tendenza, una volta che esce dal nostro tubo di alluminio, o di preferire il blocco motore (realizzato in leghe di alluminio), oppure una volta che è dentro al blocco, può trovare grande difficoltà nel lasciarlo. Sono il primo ad ammettere che non capisco questo effetto, ma nonostante tutto c'è, eccome. Appena saranno disponibili altre informazioni, aggiornerò questi appunti.
  • Il secondo è la facilità di conversione dei motori V8. Dal momento che il nostro tassello cieco è posizionato nell'incavo formato dalle due bancate di 4 cilindri, la distribuzione di Orgone dalla cella è ideale, cioè è nel punto di ingresso centrale, quasi equidistante e vicino a tutti i cilindri.
    Un'altra caratteristica importante è che il punto di ingresso si trova sul lato freddo del motore, cioè il sistema di scarico è sul "lato opposto" dei cilindri. Questo avvantaggia i motori con testate a flusso incrociato.

Quindi cosa possiamo fare con quanto detto? Ti suggerisco, come Joe, di partire con una conversione facile fino a quando tu acquisti una tua confidenza e pertanto il "fattore Y". Và e guarda un'auto convertita così puoi credere, oppure converti una vecchia Rover o Leyland V8 come attività di gruppo. Non vedo motivo del perché i vari gruppi di interesse non possano associarsi e comprare un vecchio rottame.

Se tu insisti nel convertire il tuo motore con blocco d'acciaio, oppure raffreddato ad aria, preparati ad attendere che abbiano luogo i cambiamenti molecolari nel blocco d'acciaio, nelle canne gemellate e nei collettori d'aspirazione.
Come Joe ha ribadito, questi cambiamenti possono richiedere anche tre o quattro settimane. Ho personalmente installato celle che sono allo stadio 3 e le ho lasciate come se stessero "facendo funzionare " l'auto. L'auto era guidata normalmente a benzina o gas, fino a quando il regime del minimo oppure il funzionamento complessivo del motore cambiava significativamente. Questo era l'indicazione che i cambiamenti "molecolari" stavano avvenendo e che l'auto era pronta.

Quello che puoi anche provare a fare è di rimpiazzare la normale acqua del radiatore con acqua SPECIALE, caricata allo stadio 3 (vedi Capitolo 9 che tratta l'acqua speciale allo stadio 3). Questo dovrebbe accelerare il processo di adattamento. Poichè molti motori moderni hanno come additivi nell'acqua antiossidanti e anticongelanti, devi considerare le conseguenze di operare con questa miscela.

Il lato svantaggioso di mettere additivi è che può aumentare la corrosione sui componenti metallici, cioè sulle testate, collettori, pompa dell'acqua, ecc. Per effetto della tendenza del motore a funzionare molto più freddo con la cella di Joe, io ti raccomando che tu lasci il glycole (l'anticongelante) nell'acqua. Ovviamente tu infrangi e butti alla finestra tutte le garanzie sulle auto nuove nel preciso momento che installi la cella di Joe e fai le modifiche annesse nella tua auto.


By this I mean that as soon as the motor runs out of fuel, the car stops. A lot of people get here, but blame the wrong components. As stated above, you are here because you know all sections up to here are working okay. This only leaves this Section 6 and 7. So let's presume that the car is at fault as that is the present topic. I can tell you for a fact, that a 1971 V8 Rover will start first shot and run like a dream. On the other hand, a 1100cc Mini Minor will not even think of staring first time. Why? There are a lot of pet theories floating around, but as these are my notes I will give you my theory based, on logic. Note. The following is a theory and eventually may be proven wrong. but the way I see it is that the water and the cylinder bores in the motor act as a single layer Orgone accumulator, ie. an organic material ( water ) surrounding a non-organic cylinder ( the bore ). As such, an engine with a bore that is fully surrounded with water will be far superior than an engine that uses siamesed bores or casting methods, without the benefit of the totally water-surrounding cylinder. Now as most aluminium blocks have metal sleeve cylinders pressed into the aluminium block for bores, this feature allows for a full water circulation and completes our single layer Orgone accumulator. It also makes it less leaky and more conducive to conversion to a Joe cell system. Remember, Orgone loves water. This is also ( in my opinion ), the reason why a person that chooses an air cooled motor will have more problems than one that uses a water cooled motor. The above gives me a reason why some motors start first shot and others may take weeks to kick in. Two other effects hinder or help the above. The first is, that Orgone seems to " like " to travel in aluminium or it finds aluminium more difficult to penetrate, so it would have a tendency, on leaving our aluminium pipe to either prefer the aluminium block, or once it was inside the block, it may have a greater difficulty in " leaking " out. I would be the first to admit that I do not understand this effect, but it is definitely there. As more information comes to hand, I will update these notes. The second is the easier conversion of V8 motors. As our blanking entry plug is located in the vee formed by the two banks of 4 cylinders, the Orgone distribution from the cell is ideal, ie. it is a central entry, nearly equidistant and close to all cylinders. Another important feature is that the entry point it is on the cold side of the motor, ie. the exhaust system is on the " other side " of the cylinders. This also give a cross-flow motor an advantage. So what is to be made from the above? I would suggest, like Joe, to start on an easy conversion until you build up your own confidence and hence the " Y factor ". Either go and see a converted car so you can believe, or convert an old Rover or Leyland V8 as a group effort. I cannot see why the different clubs and interest groups cannot pool together and purchase an old wreck. If you insist in converting your cast iron, or air cooled whatever, be prepared to wait for the molecular changes that seems to occur to cast iron, siamesed bore and manifold type motors. As Joe stated, this may take 3 or 4 weeks. I have personally installed cells that are stage 3 and left them " running " on the car. The car was driven normally on petrol or gas, until the idle or engine operation noticeably changed. This was the indicator that the " molecular " changes have occurred and the car was ready. What you also may want to try is to replace the normal radiator water with SPECIAL, charged stage 3 water ( see Chapter 9 regarding the special stage 3 water ). This should speed up the acclimatisation process. As most modern motors run some form of inhibitors and anti freeze additives in the water, you will have to consider the consequences of playing around with this mixture. The down side of dumping the additives may be increased corrosion on alloy components, ie. head, manifold, water pump, etc. Due to the tendency of the motor to run much cooler on the Joe cell, I would recommend that you leave the Glycol in the water. Obviously, you throw all new car warranties out the window the moment that you add the Joe cell and its related conversions to you car.

A2. Auto con sistemi di iniezione carburante.

Il modo più semplice di trattare queste auto è di eseguire una completa conversione a gas (metano/gpl). In questo modo hai un sistema doppio di alimentazione, cioè cella di Joe oppure gas. In più ottieni i vantaggi di un più lungo periodo di vita per il tuo motore come descritto nel Capitolo 10.

Riassunto della sezione.
In realtà, tutto quello che posso suggerire, giunti qui, è che se l'auto NON parte affatto e tutte le altre possibilità sono state escluse, dovresti dare alla tua conversione un ultimatum di 4 settimane entro le quali la cella deve riuscire a far funzionare il motore. Se la cella non parte entro questo termine, sono veramente poche le possibilità che effettivamente ci riesca in seguito.
Sono apparse in Australia alcune persone che possono sintonizzare la tua auto con la cella applicando gruppi di cristalli in posizioni opportune. Questo è emerso come una nuova e non ancora chiara scienza; tuttavia in un qualche modo garantisce che la cella faccia funzionare in un modo o nell'altro l'auto.
Una scoperta recente fatta da uno sperimentatore in energie alternative di Adelaide (Australia) è che la sua auto poteva funzionare con la sua cella solo dopo che l'auto aveva raggiunto una velocità di 80km/h. Ovviamente se solo avesse provato a far funzionare l'auto con la cella in un avvio da fermo, avrebbe scoperto che la cella era parzialmente in produzione.
Così, essendo questi un grande fautore del pensiero laterale, ha condotto l'auto a benzina e poi ha spento la pompa elettrica del carburante quando l'auto era in velocità. Poiché l'auto non rallentava con la cella, egli ha semplicemente riacceso la pompa carburante prima che il motore scendesse di giri e tornasse al minimo.
Sono pronto a scommettere che la sua cella non manteneva la carica, oppure era molto scadente nel trasferimento di Orgone al motore e quindi insufficiente per gli impieghi stradali, e che il movimento in avanti dell'auto ha causato un effetto di carica dell'Orgone nella zona che l'auto stava attraversando.
Con l'esempio precedente, vorrei dire che tu non dovresti gettare la spugna troppo facilmente e che con un po' di prove e pazienza, anche la tua auto riuscirà a funzionare ad Orgone.
Tutte le auto, inclusi carrelli elevatori, dragster e motori diesel che Joe ha convertito alla fine hanno funzionato!
Se la tua auto non funziona, consulta il tuo "esperto" di fiducia, oppure come ultima spiaggia dopo aver esaurito tutte le altre strade, contatta me oppure l'editore. Per favore cerca di essere sensato, tieni presente che sono solo una persona, ho una mia vita e una mia famiglia, ed il mio tempo non viene pagato né da te né da altre centinaia di bisognosi di aiuto.
A parte tutto, cercherò di fare il possibile per aiutarti.


The simplest way to treat these cars is to perform a full conversion to gas. In this way you have a duel fuel system, ie. Joe cell or gas. Plus you pick up the advantages of a longer life span for your engine as per Chapter 10. Section summary. So really, all that I can suggest in this section, is that if the car will not start at ALL and all other sections have been covered, you should give the conversion a maximum of 4 weeks for the cell to take over. If the cell does not kick in that period, the chances are indeed slim that it will ever work. You have only a few chances left. A few people have surfaced in Australia that can tune your car and cell by the application of correctly located specifically made crystal packs. This has emerged as a new and not well understood science, but it just about guarantees that the cell will run in some form or other on the car. A recent discovery by an avid alternative energy experimenter from Adelaide, ( Aust. ) was that the car only ran on his cell after the car was up to a road speed of 80 kph. Obviously if he only tried to run the car on the cell in a start-up, stationary situation, he would not have discovered that the cell was partially working. So, as he is a great lateral thinker, he took the car for a drive on petrol and then turned off the electrical fuel pump when the car was up to speed. As the car would not idle on the cell, he simply turned on the fuel pump before the engine returned to idle speed. I would guess and say that his cell was very leaky or the Orgone transfer to the engine was poor and thus marginal for engine requirements, and that the forward motion of the car caused a charging effect from the Orgone that the car was travelling through. With the above example, I am saying that you should not give up too easily and that with a bit of experimentation and patience, your car will also run on Orgone. All cars, including fork lifts, dragsters and diesel motors that Joe converted eventually ran! If your car will not run, consult your favourite " expert ", or drop me or the publisher a line, only as a last resort when you have exhausted all other avenues. Please be reasonable, realise that I am only one person, I have a life and family, I do not get paid for my time by you or the hundreds of others requiring help. Irrespective, I will do my best to help.

A3. L'auto funziona in modo irregolare.

Oppure non raggiunge la potenza massima, oppure parte e poi si ferma.

Questo potrebbe essere provocato da molte cause e tu dovrai individuare logicamente il guasto, eliminando una alla volta le cause sospette. Alcune cause (in ordine sparso):

  • La cella è debole. Controlla che sia ancora allo stadio 3.
  • La cella contiene troppa acqua. Rettifica.
  • Il flusso d'aria al motore è "sbagliato" per quel particolare regime di rotazione del motore. Stiamo lavorando su questo problema, ma come rimedio temporaneo alcuni smanettoni di celle hanno modificato il sistema di alimentazione carburante per fornire un flusso con un po' di benzina nel motore al regime incriminato.
  • La cella è debole a causa di uno schema sbagliato. Leggi Capitolo 6.
  • La cella è troppo piccola. Leggi Capitolo 6.
  • Il tubo di connessione dalla cella al motore ha la conformazione sbagliata, non è del materiale adatto, o il diametro non è giusto. Leggi Capitolo 10.
  • Il tassello cieco è posizionato in un punto non ottimale del motore. Leggi Capitolo 10.
  • La cella si è magnetizzata. Vedi la sezione precedente.
  • La giornata è molto calda, oppure la cella si è scaldata troppo. Senti la cella!
  • La cella si è scaldata troppo per una eccessiva corrente per l'elettrolisi. Attendi il raffreddamento della cella e poi regola la corrente.
  • La cella è montata in una posizione sbagliata nell'auto. Leggi Capitolo 10.
  • La giornata è piovosa o umida. Vedi la sezione 6.
  • Tu, i tuoi passeggeri, o gli animali, o la posizione, stanno interagendo un una cella debole. Vedi la Sezione 7.
  • Il tuo anticipo d'accensione non è ottimizzato. Aggiustalo!
  • La tua acqua si è "dissolta", oppure il livello dell'acqua si è abbassato. Correggi!
  • I cilindri della tua cella sono inquinati. Smontali e puliscili.
  • Ti trovi in una zona ad un alto livello DOR con una cella debole. Spera di uscirne fuori con l'auto prima che la cella muoia.
  • Ti trovi in una zona con Orgone basso oppure rovesciato. Come sopra.
  • L'attività del sole o dei pianeti compromette la produzione della cella. Ritorna al carburante "normale" ad attendi tempi migliori.
  • Nella cella non c'è elettrolisi oppure questa ha un ritmo insufficiente per far funzionare il motore.
  • I tuoi cablaggi sulla cella stanno incontrando elevate resistenze. Controlla con un amperometro per accertarti che la tua "corrente di funzionamento" che hai scelto stia ancora girando.


Car runs erratically, or does not reach maximum power, or starts and then stops. This could be caused by many things and you will have to logically fault trace, by elimination of one suspect cause at a time. Some causes ( not in any specific order );

  • The cell is marginal. Check that it is still at stage 3.
  • The cell contains too much water. Rectify.
  • The air flow into the motor is " wrong " at that particular engine operating range. We are working on this problem, but as a temporary cure, some cell operators have modified the fuel system to supply a slight petrol flow into the engine at the troublesome operating range.
  • The cell is marginal due to bad design. Read Chapter 6.
  • The cell is too small. Read Chapter 6.
  • The cell to motor tube is the wrong shape, material, or diameter. Read Chapter 10.
  • The blind plug is location is not optimised on the motor. Read Chapter 10.
  • The cell has become magnetised. See previous section.
  • The day is hot, or the cell is too hot. Feel the cell!
  • The cell is too hot from excessive electrolysis current. Wait for the cell to cool down and

then readjust current.

  • The cell is mounted in a bad location in the car. Read Chapter 10.
  • The day is wet or humid. See section 6.
  • You, your passengers, or animals, or location, are interacting with a marginal cell. See section

7.

  • Your ignition timing is not optimised. Adjust!
  • Your water has gone " off ", or you water level has gone down. Rectify!
  • Your cell cylinders are polluted. Dismantle and clean.
  • You are in a high DOR area with a marginal cell. Hopefully you can drive out of to before the cell dies.
  • You are in a strip of low or reversed Orgone. As above.
  • Sun or planetary activity is detrimental to cell output. Change over to " normal " fuel and wait for more favourable times.
  • Your electrolysis rate is down or not sufficient to run the motor.
  • Your wiring or the cell have gone high resistance. Check with an Amp meter to make sure that you chosen " running current " is still okay.
  • The air flow into the motor is wrong at that particular engine operating range. We are working on this problem, but as a temporary cure, some cell operators have modified the fuel system to supply a slight petrol flow into the engine at the troublesome operating range.

A4. L'auto funziona.

Grande! Buon per te, ma per favore ricorda che l'auto non funzionerà sempre e si fermerà improvvisamente e senza preavviso, così devi sempre avere un doppio sistema di alimentazione disponibile e pronto a "funzionare all'istante". Sarebbe altamente imbarazzante trovarsi a migliaia di chilometri da casa e dover chiedere al meccanico locale di sistemare la tua conversione con la cella di Joe! Potresti vedere uno sguardo interessante sulla sua faccia. Le prestazioni della tua auto saranno determinate dalla riserva di densità di Orgone che puoi usare a richiesta. Una cella che perde o che non dispone di tutta la carica non ti darà la massima potenza. Una buona cella deve darti almeno lo stesso -di solito più esteso- campo di utilizzo del motore con un funzionamento più dolce e più trattabile.


Great! Good for you, but please remember that it will not run all the time and will stop unexpectantly and with no warning signs, so always have a duel fuel system set up and ready to " kick in ". It would be highly embarrassing to be thousands of kilometres from home and having to ask the local mechanic to fix your Joe cell conversion! You should see an interesting look on his face. The performance of your car will be determined by the reserve of Orgone density you have on demand. A leaky or under-capacity cell will not give you maximum power. A good cell will give you at least the same and usually a greater power range with a sweeter running and more tractable motor.

A5. Riportare l'auto al carburante normale

Se per qualche ragione -che tu conosci meglio- hai deciso che vuoi riconvertire l'auto alla sua normalità, dovresti seguire i seguenti passi:

  • Rimuovi la cella, i suoi cavi, i suoi supporti, ecc.
  • Sigilla, in modo professionale, TUTTI i buchi che hai fatto sul pianale oppure nella paratia tra motore e abitacolo. Se lasci i buchi, può entrare pioggia e sporcizia e causare ruggine. Più importante, alcuni buchi possono permettere l'ingresso di gas che possono uccidere te o gli altri passeggeri!!
  • Riporta l'anticipo di accensione alle specifiche fornite dal costruttore.
  • Rimpiazza tutta l'acqua e l'olio speciale che hai usato per far funzionare l'auto con la cella.
  • Rimuovi ogni filtro d'aria a vortice oppure scarichi speciali, a meno che tu non voglia mantenerli per esigenze di risparmio carburante.

Ora comincia il divertimento. Poichè potrebbe esserci un residuo della carica di Orgone nel motore o nell' autotelaio, il motore può rifiutare di funzionare alla fasatura normale di accensione. Può tornare a funzionare "normalmente" dopo settimane, ma nel frattempo il motore sarà ruvido, rifiuterà di girare al minimo e sarà veramente intrattabile da guidare. Una soluzione suggerita è di usare un cavo spesso (i cavi da caricabatteria/avviatori veloci sono perfetti) e connetti un estremo al terminale positivo della batteria e l'altro fallo strisciare molto velocemente (si produrranno vistose scintille) sul motore nel punto (oppure nelle sue immediate vicinanze) dove avevi posto il tassello cieco in cui si connetteva il tubo proveniente dalla cella.

Questo causerà un momentaneo e massiccio flusso di corrente dal motore che si scarica a terra (le parti metalliche dell'auto) e alla fine tornerà al terminale negativo della batteria e questo rovescierà (si spera!) la carica dell'Orgone e quindi pulirà il motore.
Prima di tentare questo, prima accertati di aver staccato qualunque cavo che si innesta sul terminale positivo della batteria!

NOTA! L'operazione appena descritta è l'ultima spiaggia, e deve essere fatta da meccanici competenti, a causa dei costosi e letali danni che possono accadere a te ed all'auto:

  • Tu puoi distruggere la centralina elettronica dell'auto, l'alternatore, regolatori e/o diodi, impianto radio, strumentazione, e qualunque altro dispositivo elettronico sull'auto.
  • Poichè stai creando massicce correnti, c'è la possibilità non remota di fondere qualunque cavo sottile tra il motore e la terra.
  • Inoltre stai creando scintille vicino alla batteria dell'auto (se è posta sotto il cofano motore) e quindi hai la possibilità di incendiare il gas idrogeno della batteria e quindi causare una grande splosione con getti di acido solforico. Questo può MUTILARE O ANCHE UCCIDERE TE oppure chi sta guardando e ovviamente distruggere il frontale dell'auto.

Di nuovo, io non raccomando questa procedura a meno che tu sappia esattamente quello che stai facendo. Ho solamente menzionato la procedura per completezza perchè è usata da alcuni.


To return the car back to normal fuel. If for some reason you have now decided that you want to convert the car back to normal for reasons best known to yourself, you should perform the following steps:

  • Remove the cell, wiring, brackets, etc.
  • Seal, in a professional manner ALL holes that you have made in the floor or bulkhead. If the holes are left, moisture may enter the vehicle and thus cause rust. More importantly, some holes may allow the entry of gasses that may kill you or some other occupier!!!
  • Return ignition timing to normal manufacturers recommendation.
  • Replace all special oil and water that was used to run the car on the cell.
  • Remove any vortex air cleaners or mufflers unless you still want these for fuel saving reasons.

Now the fun will start. As there may be a residual of Orgone charge in the motor/car bodywork, the motor may refuse to run at the normal ignition timing. It may return to normal running after weeks, but during the intervening time the engine will run rough, refuse to idle at the normal idle speed and be a real pain to drive. A suggested solution is to use a thick lead, ( a jump-start lead is perfect ) and connect one end to the positive end of the battery and flash the other end very briefly against the engine at or near where you placed the blanking plug for the transfer tube from the cell. This will cause a momentary massive current to flow through the motor and back to earth ( metal parts of car ) and finally back to the negative end of the battery and thus reverse ( hopefully ) the charge from the Orgone and thus clear the motor. Make sure that you first disconnect any cables that are on the positive terminal of the battery before attempting the above! NOTE! The above operation is a last ditch effort by competent mechanics. This is due to the very expensive and lethal damage that can occur to you and the car ie:

  • You may destroy your car computer/s, alternator, regulator and/or diodes, car radio, gauge's, and any other electronic device on the car.
  • As you are creating massive currents, you have a fair chance of melting any thin cables connected between the motor and earth.
  • Also as you are creating sparks near the car battery, ( if it is located under the bonnet ) you have a fair chance of igniting the hydrogen gas in the battery thus causing a large explosion with a liberal spray of sulphuric acid. This may MAIM OR EVEN KILL YOU or the onlookers and of course destroy the front end of the car.

Again, I do not recommend the above unless you know exactly what you are doing. I merely mention this method for completeness as it is employed by some individuals.

6. Posizione geografica.

Come già detto, l'Orgone non è costante, e neppure copre con uguale densità questo pianeta. Alcuni dei problemi che possono nascere sono legati al fatto che la densità varia:

  • con le stagioni;
  • con l'ora del giorno;
  • col movimento dei pianeti;
  • coi cicli del Sole;
  • con l'altitudine;
  • con la zona geografica;
  • con gli utilizzatori di energia Orgone che si trovano nelle immediate vicinanze, ad es. un'auto adiacente;
  • con il tempo atmosferico;
  • con la quantità di inquinamento ambientale;
  • con i cicli della Terra e del magnetismo cosmico.

Come puoi vedere dalla lista, c'è da meravigliarsi se riusciamo ad utilizzarlo in qualche modo, con la nostra scarsa conoscenza e con la nostra grossolana cella.
La soluzione migliore è di avere una cella che non perda troppa carica. Questo significa che la cella deve sempre essere in sovra-produzione e pertanto darti abbastanza tempo per guidare l'auto fuori dalle località sfavorevoli.
Ecco perchè ho suggerito che dovresti avere un doppio sistema di alimentazione ed in nessun caso affidarti unicamente alla cella. Una cosa è riscontrare problemi nel tuo garage di lavoro, e tutt'altra cosa è riscontrarli lontano da casa.
L'Orgone ha una avversione incredibile per qualunque forma di radiazione elettromagnetica prodotta dai marchingegni umani. Così tutte le linee elettriche ad alta tensione, ponti radio, radar aeroportuali, installazioni militari o sorgenti radioattive scateneranno una reazione con l'Orgone per creare DOR.
Questo potrebbe essere così grave che, come dice Joe, "l'acqua si guasta". Sfortunatamente, come tu probabilmente starai già anticipando quel che sto per scrivere, questo richiede una pulizia di tutti i cilindri e isolanti, acqua fresca, ecc. E' proprio così, si ritorna allo stadio 1.


Geographic location. As mentioned, Orgone is not a constant, or even density cover on this planet. Some of the resulting problems are:

  • The density varies seasonally.
  • The density varies with the time of day.
  • The density varies with planetary motions.
  • The density varies with the Sun's cycle.
  • The density varies with altitude.
  • The density varies with geographic location.
  • The density varies with the " users " of the Orgone energy eg. a nearby car.
  • The density varies with the weather.
  • The density varies with the introduction of pollutants.
  • the density varies with the Earths and cosmic magnetism.

As you can see from the above, it is a wonder that we can use it at all, with our crude knowledge and even cruder cell. The main solution is to have a cell that is not too leaky. This means that the cell is always over-producing thus giving you some valuable time to drive out of the unfavourable locality. This is why I have suggested that you should have a duel fuel system and at no stage rely on the cell alone. It is one thing to have it fail on your garage bench, and a completely different thing to have it fail in the outback. Orgone has a very big disliking for any form of man-made electromagnetic radiation. So any large high voltage power line, transmitters, airport radar, military installations or radioactive sources will set up a reaction with the Orgone to create DOR. This may be so severe, that as Joe says, " the water has gone bad ". Unfortunately, as you are probably already anticipating what I am going to write, this requires a clean of the cylinders and insulators , fresh water, etc. That's right, back to stage 1.

7. Il fattore "Y".

Le menti razionali, che esigono sempre le dimostrazioni, e perdutamente perse nelle astrusità scientifiche, disprezzeranno quel che sto per dire. Normalmente qualunque cosa che non possa essere spiegata all'interno delle teorie esistenti accettate come "fatti", è posta nella categoria dei "fenomeni osservati sperimentalmente". Ciò che segue rientra in questa categoria.
In sostanza, come scoperto da Reich, il fattore Y indica TE (You in inglese). Ebbene sì, quando sfortunatamente entri nell'area grigia dove la scienza si mescola allo sconosciuto, entri in aree che metteranno alla prova il tuo sistema di credenze, se lo permetterai. Potevo facilmente escludere da questo libro tutta la paccottiglia non-scientifica e dare a me stesso una qualche "credibilità scientifica", non importa cosa questo voglia dire.
Fortunatamente sono indipendente dal punto di vista economico e non vivo sulle borse di studio ottenute dalla scrittura di articoli "selezionati", e neppure nessuna multinazionale può zittirmi o riscrivere quel che dico per adattarsi alle loro esigenze.
In realtà è del tutto irrilevante se credi oppure no nel fattore Y, esso esiste di per sè e dovresti considerare il concetto che tutti gli aspetti della creazione sono collegati permanentemente e istantaneamente tra loro. Il fattore Y farà sì che la tua cella non si insemini, oppure non produca, o produca in modo insoddisfacente, oppure comportarsi in modo intermittente, a seconda delle energie viventi che si trovano attorno ad essa in un dato momento.
Questa non è una favola partorita dal mio cervello demente, ma un fatto osservato, riscontrato ovunque nel mondo da secoli immemorabili. Io, come molti altri, ho avuto persone che si avvicinavano alle nostre celle e osservato come le nostre celle improvvisamente entrassero in produzione (stadio 3) o peggio, osservato con disappunto come le nostre celle regredivano allo stadio 1 (cioè morivano).
La mia cella di prova favorita era allo stadio 3 da oltre 10 mesi e sono stato abbastanza stupido di lasciarla guardare da chiunque capitasse. Un giorno è stata osservata da un individuo che, lui stesso ammetteva, era energicamente stanco e debole. Nel giro di pochi secondi in cui questo soggetto guardava la mia cella, questa è crollata dallo stadio 3 al più debole stadio 2. La mattina successiva era completamente morta.
L'ho smontata e pulito tutte le parti metalliche sperando che questo fosse bastato a rimetterla in sesto, essendo la carica nell'acqua. Niente da fare! In seguito ho dovuto rifarla da capo aggiungendo acqua fresca e sto ancora aspettando che passi allo stadio 2! Già nel Capitolo 8 sei stato avvisato, tieni per te la tua cella vivente.
Un amico mi ha confidato una esperienza simile, e precisamente che una cella che non voleva saperne di andare allo stadio 2 si è animata di vita (stadio 3) quando un suo amico si trovava a 20 metri dalla cella, e poi la cella è entrata in subbuglio appena l'ha avvicinata. Quando questo suo amico se ne è andato, la cella è morta di nuovo! Queste sono storie vere.
Il miglior modo di considerare la cella o le sue implicazioni con una mente aperta. Non devi credere che funzioni, ma allo stesso modo non devi dubitare che possa funzionare. Non analizzare troppo nè mettere paraocchi ai tuoi ragionamenti presumendo di aver imparato tutto quello che c'è da imparare e con la tua "vasta conoscenza" puoi categoricamente dichiarare che l'idea della cella di Joe non può funzionare.
A meno che tu non sia l'Onnipotente in persona, imparerai cose nuove ogni giorno per tutti i giorni della tua vita.
Ho parlato con molti, molti individui intelligenti che semplicemente rifiutano di credere che un'auto possa funzionare con qualcosa che non vedono, nè come questo niente possa penetrare il "metallo solido" del motore senza attraversare alcun foro e per giunta far funzionare il motore senza produrre nessun inquinante rilevabile da strumenti di misura. Ancora, questi stessi individui che loro stessi si considerano sani di mente (e che fanno riserve sulla mia sanità), sono ben felici di spendere grandi quantità di denaro in medicine oppure seguire una moda new age per l'auto-guarigione che hanno ancor meno prove e dimostrazioni scientifiche!


For the rational, proof only, and died-in-the-wool scientific types, you are going to hate this one! Normally anything that cannot be explained in the framework of existing theories that are known as " facts ", are place under the category of, " experimentally observed phenomena ". The following fits that category. Basically, as Reich discovered, the Y factor simply stands for you. Yes, unfortunately when you get to the grey areas where known science merges into the unknown, you enter areas that will stretch your belief system if you so allow it. I could have very easily left the so-called non-scientific mumbo jumbo out of this book and so given myself at least a little " scientific credibility ", whatever that means. Luckily, as I am self-funded and do not live on grants by writing " selected " papers, no multi national can conveniently shut me up or rephrase the above to suit their needs. In actuality, it is immaterial if you believe or do not believe in the Y factor, either way it exists and you really should consider the concept of all creation being intimately linked permanently and instantly. The Y factor will make your Joe cell either not seed at all, or not breed, or breed poorly, or behave in an intermittent fashion, depending on the living energies around it at any one time. This is not a fable coming out of my demented brain, but an observed fact, recorded from all over the world for countless centuries. I, with many others have had individuals walk up to our cells and watch our cell suddenly breed, ( Stage 3 ) or worst, watch with dismay as our cell drops back to Stage 1 ( die ). My favourite test cell was a Stage 3 cell for over 10 months and I was stupid enough to let it be observed by all and sundry. One day it was observed by an individual who by his own admission was out of energy and run down . Within seconds of this guy looking at my cell, it dropped out of Stage 3 to a weak Stage 2. Next morning it was absolutely dead. I pulled it apart and cleaned all metal parts hoping that this would fix it as the charge is in the water. No Joy! I then completely rebuilt the cell, added fresh water and I am still waiting for it to go to Stage 2! As in Chapter 8, you have been warned, keep your living cell to yourself. A friend reported to me a similar experience, namely that a cell that would not go to Stage 2 sprang to life ( Stage 3 ) when a friend of his was 20 meters away from the cell, and then the cell went into a frenzy as he approached it. When his friend left, the cell died again! True stories. The best procedure with the cell, or for that matter any endeavour is to treat it with an open mind. You do not have to believe that it will work, but similarly, you should not doubt that it can work. Do not analyse too much or apply blinkers to your thinking process by presuming that you have learned all that there is to know and with your " vast knowledge " can categorically say that, this Joe cell concept could never work. Unless you are the Almighty himself, you will learn new things every day for the rest of your life. I have talked to many, many intelligent individuals that simply refuse to believe that a car can run on what they see as nothing, nor how this nothing can get into a " solid metal " engine through no openings operate the motor and produce no measurable pollution. Yet, these same individuals who consider themselves sane ( with reservations for my sanity ), are quite happy to spend large sums of money or follow some outlandish new age fad in medicines or self-healing techniques with even less proof or science!

Commento di chiusura.

"Mi hanno definito pazzo. La speranza è che loro abbiano ragione. Non fa alcuna differenza se c'è un altro matto in circolazione, Ma se sono io ad aver ragione e la scienza sta sbagliando possa il Signore Dio avere pietà dell'umanità." Victor Schuaberger

Mio caro e paziente lettore. In nessun punto ho mai detto che costruire una cella di Joe è facile come fare un tostapane. Dal momento che stai trattando con la forza della vita, che non ha massa ed è quasi sconosciuta, sei in prima linea subito dall'inizio; la tua battaglia è in salita e solitaria, con "esperti" di entrambi gli schieramenti che stanno ridendosela a crepapelle, in attesa del tuo fallimento.

Analogamente, in nessun punto ho detto che tutte le persone possono convertire qualunque auto. Ancora, appena hai convertito la tua auto, non c'è alcuna garanzia sulla durata del suo funzionamento prima che la produzione della cella si fermi e/oppure il seme muoia.

Con la giusta attitudine mentale, tutti questi sono problemi secondari e sfide accattivanti, ma se tenti la conversione d'impeto, non credendo veramente nel tuo cuore che possa funzionare, oppure con l'intenzione di fare velocemente un sacco di soldi, il fattore Y sarà pronto a colpirti! Non cominciare neppure, staresti sprecando il tuo tempo e danaro. Riflettici sopra! Se fosse così facile e se chiunque potesse sfruttare la forza della vita, perchè non è in produzione su larga scala nel mondo reale? La risposta è semplice. E' proprio l'attitudine mentale di questi soggetti che impedisce loro di utilizzare i segreti di Madre Natura.

La mia intenzione era di mostrarti un metodo per la costruzione di celle che per me funziona. Ovviamente, ci sono molti altri modi per incoraggiare la forza vitale ad entrare in un accumulatore, immagazzinarla, amplificare la densità accumulata e finalmente usare la forza facecendola lavorare quando straripa dall'accumulatore, esattamente come una diga ed una turbina ad acqua.

Io ho letto tutto il materiale che son riuscito a procurarmi che tratta la forza della vita e i suoi impieghi. In oltre 6 anni, ho compilato, analizzato e sperimentato con le combinazioni di quelli che sembrano gli impieghi più promettenti. Non sono infallibile, e neppure sbandiero che realizzo le celle migliori.

Ribadisco solo che costruisco celle che funzionano! Tu stai leggendo parte di questo lavoro. Dal momento che ti ho dato queste informazioni gratuitamente, spero che anche tu le voglia distribuire gratuitamente. Quello che farai con questa conoscenza dipende da te. Si spera, come risultato dei tuoi sforzi tu voglia condividere ogni nuova conoscenza o trucchetti con il resto di noi, così che possiamo tutti crescere assieme come una vera fratellanza.


" They call me deranged. The hope is that they are right. It is of no greater or lesser import for another fool to wander the earth, But if I am right and science is wrong - then may the Lord God have mercy on mankind. Victor Schuaberger My dear patient reader. At no stage have I said that the Joe cell is similar to making a bread toaster. As you are dealing with a little known, mass-less life force, you are behind the 8 ball right from the start, your battle is uphill and lonely, with jeering and laughing " experts " on both sides waiting for you to fall. Similarly, at no stage have I said that all people can convert all cars. Likewise, once you have converted your chosen car, there is no guarantee as to how long it will run before the breeding stops and/or the seed dies. With the right mindset, all the above are minor problems and enjoyable challenges, but if you approach this conversion in a rush, not really believing in your heart that it can work, or with the intention of making lots of quick money, the Y factor is going to bite you! Don't even start, you are wasting your time and money. Think about it! If it was so easy and if all and sundry could exploit the life force, why is it not in mass production out in the real world? The answer is simple. It is exactly the mind set of these type of individuals that prevents them from utilising Mother Nature's secrets. May aim has been to show you a method of cell construction that works for me. Obviously, there are many different ways to encourage the life force to enter an accumulator, storing it, increasing the stored density and finally utilising the force as you make it work on its release, similar to a dam wall and a water turbine. I have read all materials available to me relating to the life force and its utilisation. Over 6 years, I have compiled, analysed and experimented with the combinations that showed the greatest potential. I am not infallible, nor do I claim I make the best cells. I only claim that I make cells that work! You are reading some of this work. As I give you this information freely, I hope that you will also distribute it freely. What you do with this knowledge is your decision. Hopefully, as a result of your efforts you will share any new knowledge or short cuts with the rest of us, so we can all grow together as a brotherhood.