Experimenter's guide to the Joe cell/capitolo quinto

Da SSLABS.

m


Experimenter's guide to the Joe cell

Libro originale in INGLESE | Libro in Italiano (PDF, 5MB, 91Pagg) | (ODT 0.2MB)
Prefazione · 00. Introduttorio 01. Capitolo primo · 02. Capito secondo · 03. Capito terzo · 04. Capito quarto
05. Capito quinto · 06. Capito sesto · 07. Capito settimo · 08. Capito ottavo · 09. Capito nono
10. Capito decimo · 11. Capito undicesimo · 12. Capito dodicesimo · Glossario · Bibliografia ·

Il Gruppo di lavoro ORIGINALE sulla cella di JOE, fondato nel 2001 dove trovare altri sperimentatori.


Capitolo 5 - Materiali e Design della cella

"Non esiste nessun crogiolo ideale, nessun crogiolo così perfettamente isolato e protetto da essere considerato un sistema chiuso, un'unità assolutamente isolata dal resto dell'Universo". Raymond Abellio, 1975 circa.

In questa sezione voglio condurti passo dopo passo lungo il processo di costruzione della cella. Ho già detto in altri punti di questo libro e lo ripeto ancora che ci sono infiniti modi per costruire accumulatori Orgonici. Il metodo qui descritto si basa sulle tecniche di costruzione necessarie a realizzare una cella di Joe. Per una descrizione particolareggiata di questo tipo di cella è necessario che il lettore legga il libro di Barry Hilton "How to run your car on zero point energy". Questo libro contiene in parole e diagrammi quello che Joe voleva che il pubblico conoscesse circa la sua cella, e come tale è una lettura altamente raccomandata.


" There is no ideal crucible, no crucible so perfectly sealed and protected that it can be considered a closed system, a unit absolutely isolated from the rest of the universe. Raymond Abellio, circa 1975. In this section, I would like to take you step by step, through the cell construction process. I have stated in other sections of this book and I would like to also state here that there are countless methods of constructing Orgone accumulators. The method described here is based on the Joe cell construction techniques. For a very comprehensive description of this type of cell, I would presume that the reader has read, or has access to, a copy of Barry Hilton's book, "How to run Your Car on Zero Point Energy ". This book contains in words and diagrams what Joe wanted the public to know about his cell. As such it is essential reading.

Nota

Ho una copia di tale libro e lo raccomando, ma questo non implica che io sia d'accordo con le teorie o coi fatti espressi da Barry e Joe. Non implica neppure che io prometta all'acquirente di tale libro di diventar capace di far funzionare la sua auto a Orgone, e nemmeno che riesca anche solo a far funzionare una cella. In altri termini, io vedo il libro di Barry ed il mio come pezzi di un puzzle scomposto. Se metti tutti i pezzi assieme capirai la forza vitale o comunque tu la voglia chiamare. Non hai bisogno di tutti i pezzi del puzzle se il tuo unico desiderio è quello di convertire un'auto a Orgone, ma più pezzi hai maggiore è la tua comprensione delle cause, non solo degli effetti. Più sai, più è facile che tu faccia funzionare (a Orgone) la tua auto per lunghi periodi di tempo senza misteriosi "guasti". Come già detto, non sono interessato ad argomentare, sfidare, dibattere, competere o difendere i miei appunti con nessuno. Ti dò queste istruzioni liberamente come guida, per mostrarti un metodo di costruzione di celle funzionanti garantito da me. Se hai qualcosa di veramente costruttivo da contribuire, modificherò con gratitudine i miei appunti. Ora basta coi preamboli, iniziamo il lavoro. Descriverò ogni passo:

A. Elenco delle parti.

B. Selezione dei materiali.

C. Lavorazioni d'officina.

D. Opzioni.

E. Montaggio.


I have a copy of the above book and recommend it to others, but!, that does not imply that I agree with the theories or facts as expressed by Barry and Joe. Nor does it imply that I promise you that if you buy the above book, you will be able to " run " your car, or even have a working cell. Simply stated, I see Barry's book and my own, as pieces similar to the pieces of others, in a jig saw puzzle. If you put all the pieces together, you will understand the life force, or whatever else you want to call it. You do not require all the pieces if you only want to " run " a car, but the more pieces you have, the greater is you understanding of the causes, not just the effects. Thus the car will run for a longer period of time without mysterious " down times ". I am not interested, as established before, in arguing, challenging, debating, competing, or defending my written notes with any parties. I give you these notes freely as a pointer, to show you a method of cell construction that works for me. If you have something constructive to contribute, I will gladly alter my notes. Right, with the preamble out of the way, lets get to work. I will go through each step:

A. Parts list. B. Selection of materials. C. Machining operations. D. Options. E. Assembly.

A. Elenco delle parti

La seguente lista delle parti è correlata a quanto si dirà nella sezione D. Tutti i tini e celle hanno bisogno di un orlo in grado di ospitare bulloni dal diametro di almeno mezzo pollice (12 mm.), e cavi elettrici a treccia in grado di reggere 10 Ampère continui, cavo rosso per il polo positivo e nero per il negativo. Puoi decidere di acquistare un portafusibili e alcuni fusibili da 5 A da metterci.


The following parts lists, tie in with section D. Common to all vats and cells, you will require lugs that can fit over a ½ inch ( 12 mm. ) bolt, and multi strand wire capable of flowing 10 Amps continuously, red for positive and black for negative. You may want to purchase an in-line fuse holder and a few 5 Amp fuses to suit.

A1. Tino da carica. (elemento opzionale)

Questo tino può essere ogni opportuno contenitore in acciaio inox per alimenti che sia poco paramagnetico.

La scelta preferita di Joe ed altri è un barilotto da birra in acciaio inox. Questo sembra la scelta giusta, ma occorre fare attenzione alla qualità. I cordoni di saldatura sono particolarmente paramagnetici.
FIG.5 Tino da carica. Panoramica dei componenti principali. Vi mostro due tipi di....(I have shown two different types of cone stacks.). Lo (stack) più vicino al tino è quello usato in questo manuale. The stack nearest to the Vat is the one used in this manual.


Circola la storia che Joe abbia dovuto testare un centinaio di barilotti prima di riuscire a trovare quello giusto. A meno che tu non voglia usare grandi coni, dal diametro di circa 10 pollici (250 mm), non vedo nessun scopo utile per avere un tino di caricamento così grande. Anche se lo impieghi per riempire tutto il radiatore, la quantià di acqua è comunque spropositata. Dal mio punto di vista uno così grande può andar bene per un gruppo di lavoro o come risorsa da condividere, ma non è indicato per un singolo sperimentatore. Personalmente uso un tino con un'altezza interna utile di 11 pollici (275 mm) ed un diametro di 8 pollici (200 mm). Questo tipo di barilotto ha il vantaggio di non aver cordoni di saldatura orizzontali nel bel mezzo del contenitore: questa è proprio la zona dove non si vuole alcuna fascia magnetica! Il diametro dei miei coni può essere di 5,5 pollici (138 mm) o di 6 pollici (150 mm) a seconda di quel che trovo dai rivenditori.


Così, hai bisogno di:

  • 1 x Barilotto della dimensione scelta
  • 8 x Coni della dimensione scelta
  • 1 x Asta in nylon (o materiale analogo), posta al centro dei coni per supportarli
  • 8 x Anelli distanziatori in nylon (o materiale analogo) della misura giusta per scorrere sull'asta e distanziare i coni.
  • 16 x Anelli O-ring in neoprene da porre lungo l'asta
  • 1 x Asta di supporto in acciaio inox lunga approssimativamente 300 mm e dal diametro di 6 mm. (Va appoggiata orizzontalmente sul barilotto, per sostenere l'asta e l'assemblaggio dei coni)
  • 1 x lamina d'acciaio inox approssimativamente lunga 1 metro, larga 12 mm e spessa approssimativamente 1 mm
  • 6 x rivetti in acciaio inox
FIG 4. Cones from charging vat. This is the result of using over 10 Amps for long periods. Note the severe pitting. These cones are now junk.

Note.Se non vuoi investigare sull'Orgone, ed il tuo unico desiderio è quello di caricare la cella nella tua auto, allora non hai bisogno di un tino da carica. Il pregio principale del tino è la quantià d'acqua che può caricare e la facilità con cui sono rimosse le morchie dalla cima dell'acqua. Sfortunatamente, nella cella da auto, essendo chiusa, le scorie non sono rimosse così prontamente ma niente impedisce che tu carichi l'acqua nella cella "da auto", travasi l'acqua che ha raggiunto lo stadio 3 in un contenitore di vetro, la filtri e poi la rimetti nella cella. Comunque se usi i metodi descritti in questi appunti scoprirai che la produzione di scorie è minima. Ho sempre caricato le mie celle per auto da sole, cioè senza usare il tino da carica. Il vantaggio è che tu sai di avere una cella realmente funzionante, non solo di aver l'acqua al punto giusto, come sarebbe invece stato il caso se tu semplicemente travasavi l'acqua al termine della carica dal tino alla cella.

FIG 9. Charging Vat. A side view of the cone stack. Notice the connections, insulation of the straps and connection to the cone.
FIG 7. Side view of the cone stack. Note the pop rivets holding the negative strap and the method of holding the cone stack together with the acrylic rod. The higher rod is stainless steel and is used to support the cone stack on top of the vat container.


FIG 10. The Charging Vat. An overall view of the cone stack construction. Positive connection is the middle connection. Negative connections are to the second lowest and top cones.
FIG 8. A side view of the central nylon rod showing the adjustment holes that allows a variable gap between the cone stack and the bottom of the vat.
FIG 6. Charging Vat. A bottom view of the cone stack showing the central Nylon rod which is slightly enlarged to support the lower cone.
FIG 3. Two types of Test Cells. On the left is a glass cell with the negative entering via a hole drilled in the bottom. On the right a Plastic Cell with both connections located at the top



This vat can be any suitable low paramagnetic food grade steel container. A favourite with Joe and others is a stainless steel beer keg. These seem to be plentiful,. but be wary of quality. The seam welds are particularly paramagnetic. There is a story of Joe testing about a hundred kegs before he found one that he liked. Unless you are going to use the large cones, about 10 inches ( 250 mm. ) diameter, I see no useful purpose to have such a large charging vat. Even if you employ it to fill up your radiator, it is still a hell of a lot of water. I could see a use for one as a shared club or group resource, but not for one individual. I personally use a much smaller vat with an internal working height of 11 inches and a diameter of 8 inches. This type of keg has the advantage of not being seam welded horizontally half way up the container. This is exactly where you do not want any magnetic bands! My cone diameters are either 5.5 inches or 6 inches depending on the scrap metal dealer. So, you will need: 1 x Keg of your chosen size. 8 x Cones of chosen size. 1 x Nylon, or similar, central cone support rod. 8 x Nylon, or similar, spacer washers to suit cones and central support rod. 16 x Neoprene O-rings to suit central support rod 1 x 300 mm. long by 6 mm. diameter ( approx ) stainless steel support rod. ( Use horizontally across keg to hold central rod and cone assembly ). 1 x 1 meter long ( approx ), by 12 mm. wide stainless steel strap, approximately 1 mm. thick. 6 x Stainless steel pop rivets. Note. If you just want to get on with it, and you only want to charge your car cell, you do not require a charging vat. Its main virtue is the quantity of water and the ability to remove any scum from the top of the water. Unfortunately, as you car cell is enclosed, this scum is not so readily removed, but there is nothing to stop you charging the water in your car cell, tipping out you stage 3 water in a glass container, filtering this water and reintroducing it back into you car cell. Anyway, if you use the methods described in these notes, you will find that your scum will be at a minimum. I have always charged my car cells as a stand alone unit, ie. no charging vat. The advantages are that you know that the cell and the water are okay and not just the water, as the case would be, if you simply added the water out of your charging vat into your car cell.

A2. Cella di prova a 4 cilindri

La cella di prova è un pezzo vitale dell'equipaggiamento che dovresti costruire. Le sue due funzioni principali sono:

1) E' un aiuto nell'apprendimento mentre stai studiando i differenti stadi di caricamento dell'acqua. Puoi facilmente osservare i diversi tipi di bolle, tensioni superficiali, depositi sul fondo e sospensioni colloidali nell'acqua.

2) Puoi riempirla con acqua sospetta della tua cella principale e testarla per vedere se è ancora al terzo stadio. Non c'è bisogno che tu sia Einstein per capire che il contenitore della cella di test deve essere trasparente.

Elenco componenti:

  • 1 x Contenitore di vetro o acrilico trasparente (non traslucente) dal diametro di circa 6 pollici (150 mm), alto circa 8 pollici (200 mm). Il contenitore deve avere un coperchio!
  • 1 x gruppo di quattro tubi da 1 pollice (25 mm), 2 pollici (50 mm), 3 pollici (75 mm), 4 pollici (100 mm) lunghi 5 pollici (125 mm).
  • 18 x distanziatori dal diametro di ½ pollice (12 mm.) e lunghi ½ pollice.
  • 1 x lamina d'acciaio inossidabile lunga circa 10 pollici (250 mm) larga 12 mm e spessa 1 mm (come per il tino da carica)
  • 2 x piccoli dadi e viti in acciaio inox per fissare la lamina al contenitore di plastica o di vetro
  • 2 x rivetti in acciaio inox
  • 1 x tubo lungo 500 mm resistente al calore in cui far passare la lamina inox
  • 2 x pettini in plastica come supporti inferiori (descritti più avanti)

Note. Se usi un contenitore di vetro, può convenirti inserire la polarità elettrica negativa tramite un bullone di mezzo pollice (12 mm) che metterai nel buco che trapanerai nel fondo del contenitore. In questo vaso hai bisogno di un bullone d'acciaio inox lungo 3 pollici (76 mm), dado ed anello (n.d.t. anch'essi d'acciaio inox), più due distanziatori di teflon o nylon lavorati a macchina da mettere dove il bullone spunta dal contenitore. Questo lavoro extra può non valerne la pena, a meno che tu non ottenga le parti necessarie spendendo poco.


The test cell is a vital piece of equipment that you should make. It has two main functions: One, it is a training aid for you while you are learning about the different stages of charging the water. You will easily be able to observe the different bubble types, surface tensions, deposits in the sump and colloidals suspensions in the water. Two, you will be able to fill it up with suspect water from you main car cell and test to see if the water is still at stage 3. You do not have to be Einstein to work out that your test cell container should be transparent. You will need; 1 x Glass or clear ( not translucent ) acrylic container about 6 inches ( 150 mm. ) diameter by about 8 inches ( 200 mm. )tall. The container must have a lid! 1 x Set of 1 inch, 2 inch, 3 inch and 4 inch cylinders about 5 inches ( 125 mm ) long. 18 x ½ inch ( 12 mm. ) diameter by ½ inch long spacers. 1 x Approx. 10 inches ( 250 mm ) stainless steel strap as per charging vat parts list. 2 x Small stainless steel nuts and screws to secure the strap to the plastic or glass container. 2 x Stainless steel pop rivets. 1 x 1.5 feet ( 500 mm. ) of heat shrink tubing to fit over you stainless steel strap. 2 x Lower acrylic support combs, ( to be described later ). Note. If you use the glass jar, you may want to insert the negative via a ½ inch ( 12 mm. ) stainless steel bolt via a hole that you drill through the bottom of the jar. In that case, you will need a 3 inch ( 76 mm. ) stainless steel bolt, nut and washer, plus two Nylon or Teflon machined washers where the bolt exits the glass container. The extra effort may not be worth it unless you can get the parts cheaply.

A3. Cella a 4 cilindri per auto

La costruzione della cella a 4 e a 5 cilindri è la stessa, ad eccezione del cilindro e dei 6 spaziatori extra. Qui descriverò solamente la costruzione della cella a 5 cilindri. Se volete realizzare una cella a 4 cilindri, seguite le stesse istruzioni senza il cilindro extra.

FIG 11. Cell - 4 cylinder. Cell parts show two types of domed tops. The little pile of ebonite spacers is shown near the two cones.

Nota. L'unica ragione per cui ho menzionato la cella a 4 cilindri, è dovuto nuovamente ai miti nati dall'esperienza sul "campo". Fondamentalmente la storia è questa: Si dice che se non si usa il tino da carica, è possibile caricare e far partire la macchina solo con una cella a 5 cilindri. Si suppone che con una cella a 4 cilindri, non ci si possa caricare l'acqua, ma solamente fargli avviare la macchina. Joe nel suo video ha anche detto di ritenere che la cella a 4 cilindri possa far funzionare il motore anche meglio di una a 5. Personalmente, ho scoperto che entrambe le celle possono essere caricate e utilizzate per far funzionare la macchina. Poichè l'emissione di una cella è determinata dagli "strati" ossia dal numero dei cilindri concentrici, la cella a 5 strati è una cella migliore. Ho trovato che la cella a 5 cilindri per me funziona molto meglio e non ho motivi per raccomandare una cella a 4, eccetto il fatto che è una cella più piccola. C'è ancora uno scarso riscontro da parte dei costruttori, per cui la giuria non si è ancora espressa.


FIG 12. Shows how bolt fits into centre- tube. Note the grooves in the bolt head for water flow & the bolt head is a 1/4 inch inside the centre tube


FIG 16. Cell - 4 cylinder. View of the completed cell sub-assemblies. Note that the compression fitting is missing from the top of the cone. The O-ring fits between the outer thread and
FIG 15. Cell - 4 cylinder. A view of the method for fitting the 1/2 inch long, 1/2 inch wide ebonite insulators
FIG 13. Cell - 4 cylinder. Showing the insulatorfitted in the bottom cell cap. The insulator allows the central bolt to be insulated from the rest of the cell. View from the inner or water, side.
FIG 14. Cell - 4 cylinder. Showing the bottom cell cap completed with outer insulator and lug for the negative connection lead and fixing nut.

4 cylinder car cell. The construction of the 4 cylinder and 5 cylinder cells are the same except for the extra cylinder and 6 spacers. Thus I will only describe the construction of the 5 cylinder cell. If you want to make a 4 cylinder cell, follow the construction of the 5 cylinder cell without the extra cylinder. Note. The only reason that I mention the 4 cylinder cell at all, is again due to the myths that have developed in the " field ". Basically, the story goes like this: It is rumoured that if you do not use the charging vat, you can only charge and run you car with a 5 cylinder cell. You supposedly cannot charge you water with a 4 cylinder cell, only run you car on it. Joe also mentions in his video that he thinks that the 4 cylinder may even run the car better than the 5 cylinder cell. Personally, I have found that you can charge both a 4 and a 5 cylinder cell and thus, they will also run the car. As the leakage of a cell is determined by the " layers " or number of concentric cylinders, the 5 layer cell is a better cell. I have found that a 5 cylinder cell works much better for me and I really have nothing to recommend the 4 cylinder cell for, except that it is a smaller cell. There is still meagre feedback from constructors, so the jury is still out.

A4. Cella di prova a 5 cilindri

Questa è la mia configurazione prefererita. La mia primissima cella di prova era una cella in vetro a 5 cilindri lunghi 7 pollici (175 mm). Questa cella è stata usata costantemente da 6 anni fino ad ora, ancora funzionante dopo innumerevoli smontaggi e manutenzioni. Isolanti e cilindri dopo sei anni sono ancora in buono stato come il primo giorno. Questa cella usa la variante del bullone da ½ pollice (12 mm) che attraversa il fondo del contenitore. La costruzione è la stessa della cella di prova a 4 cilindri, con l'aggiunta di altri 6 distanziatori per supportare l'ulteriore cilindro da 5 pollici (125 mm). Questo è tutto.


This is my favourite configuration. My very first test cell was a glass 5 cylinder cell with 7 inch long cylinders. This cell has been in constant use now, for about 6 years, still not broken after countless dismantles and services. The insulators and cylinders after 6 years are as good as they were on day 1. This cell uses the ½ inch bolt-through-the-bottom alternative. The construction is the same as the 4 cylinder test cell, with the addition of 6 extra spacers to support the extra 5 inch cylinder. That's it.

A5. Cella a 5 cilindri per auto.

FIG 17. Cell - 5 cylinder. All major components of the cell. Note separate base plate and nut. The thread ring is still to be push fitted to the lower part of the outer cylinder.

Carissimi, questa è la numero uno. O riesci a farla per bene o chiudi col mondo delle celle di Joe e torni alle fantasie. Questo è il bimbo che deve essere concepito ed allevato da te. Questa è l'unica che sarà affidabile e che non produrrà morchie (ndt: scorie). E' su questa che le persone giudicheranno la tua sanità mentale. Se non lavora, precipiterai nella strada di tutti i falliti e sognatori. Al contrario, quando riuscirai a farla funzionare, perderai il conto di tutti i tuoi nuovi "amici". Tutti ne vorranno una, esattamente "come quella fatta dal mago". Ci sono varianti; io ti descriverò la mia preferita per la quale hai bisogno di:

  • 1 x Gruppo di 4 cilindri interni scelti a mano, lucidati, puliti, poco paramagnetici, (possono aver avuto trattatamenti termici), da 1 pollice (25 mm), 2 pollici (50 mm), 3 pollici (75 mm), 4 pollici (100 mm) lunghi 8 pollici (200 mm) o di lunghezza molto prossima ai 200 mm, come determinato dai tuoi calcoli che farai leggendo il capitolo sul dimensionamento dell'altezza.
  • 1 x cilindro esterno dal diametro di 5 pollici (125 mm), stesse caratteristiche come sopra, lungo 10 pollici (250 mm)
  • 1 x flangia per la base, una ghiera da 5 pollici (125 mm), una guarnizione O-ring (ndt. guarnizione ad anello dalla sezione rotonda), un dado da 5 pollici che devono accomodarsi sul cilindro esterno. L'accomodamento sul cilindro esterno non è già pronto. Avrai bisogno di fare qualche lavorazione d'officina per realizzare la sezione adatta di incastro. (ndt. Qui il senso è che la ghiera deve essere fissata alla base del cilindro affinché col dado ci si possa avvitare contro la flangia e realizzare un contenitore ermetico la cui base sia smontabile in qualunque momento per manutenzioni. Le "lavorazioni d'officina" possono comprendere saldature e/o altro).
  • 1 x cono superiore. Questo è un riduttore standard da 5 pollici (125 mm) a 1 pollice (25 mm). L'angolo sulla punta deve corrispondere al materiale ma compreso tra 60 e 90 gradi; per l'acciaio inox 316L l'ottimo è di 57 gradi.
  • 24 x spaziatori in ebanite (o materiale analogo) lunghi ½ pollice (12 mm) e dal diametro di ½ pollice (12 mm).
  • 1 x bullone, comprensivo di rondella e dado, in acciaio inossidabile lungo 3 pollici (75 mm) dal diametro di ½ pollice (12 mm).
  • 2 x isolanti di nylon o teflon lavorati a macchina, per l'uscita del bullone.
  • 1 x ugello del diametro di 1 pollice (24 mm) adatto allo sfogo della cella. Questo ugello può essere ad angolo retto oppure dritto a seconda della tua installazione. Questo è l'elemento su cui si innesta il tubo d'alluminio del diametro esterno di 1 pollice (24 mm).
  • 1 x tubo d'alluminio del diametro esterno di 1 pollice (24 mm) e di lunghezza opportuna per collegare l'ugello della cella alla placca con tappo cieco sul motore (il mio tubo ha un diametro interno di 20 mm, ma questo non è critico).
  • 1 x tubo d'acciaio inox lungo 1 pollice (24 mm) e dal diametro interno di ½ pollice (12 mm). Questo si mette sul bullone d'acciaio inox e mantiene i cilindri interni a distanza dal fondo della cella.
  • 3 x pettini in acrilico per supportare i cilindri interni. Questo è un optional, descritto più avanti.

Note. Tutti i componenti dovrebbero avere il più basso campo paramagnetico possibile. Il tuo magnete di test deve essere leggermente attratto, ma non deve attaccarsi con forza e supportare il proprio peso! Tutte le parti devono essere pulite in aceto leggero o acido acetico (90%) aggiunto ad acqua giovanile. Non lasciare impronte su nessuna delle superfici d'acciaio inox. Per quanto riguarda il trattamento termico (ndt: ricottura), poichè il punto di Curie per la maggior parte degli acciai inox è 800°F (circa 426°C) o di più, il nostro trattamento termico deve superare questa temperatura. Due metodi funzionanti sono:

  • Consiglio locale di uno specialista in trattamenti al calore di Melbourne: mettere il materiale in un forno a 1200°F (650°C) per 3 ore in atmosfera di azoto, poi ridurre lentamente la temperatura fino a quella ambiente in 12 ore.
  • TM Technology, ( http://.www.tinmantech/html/faq_stainless_working_joe-c.html ) suggerisce da 800°F a 1200°F (da 426°C a 650°C) per un tempo compreso tra mezz'ora e 2 ore.


This is the one, dear people. You either get this one right or end of Joe cell as reality and back to fantasy. This is the baby that has to seed and breed for you. This is the one that has to be reliable and sludge free. This is the one that people will judge your sanity on. If it does not work, you go down the path of all other failures and dreamers. Conversely, when you get it working, you will not be able to count all your new " friends ". They will all want one, just " like the wizard made ". There are variations, I will give you my favourite one, you will need: 1 x Set of hand selected, polished, clean, low paramagnetic, ( maybe heat treated ) 1 inch, 2 inch, 3 inch and 4 inch inner cylinders, of 8 inch length, or length very close to 8 inches, as calculated from own your calculations as per Chapter 7. 1 x 5 inch diameter outer cylinder, as above, but 10 inches long. 1 x Lower plate, one 5 inch thread, one 5 inch O-ring seal and one 5 inch nut to suit the above outer casing. This is not of-the-shelf. You will need machine work to make the press fit section. See diagram. 1 x Top cone. This is a standard 5 inch to 1 inch tube reducer. Apex angle to suit material but between 60 and 90 degrees and optimally 57 degrees for 316L stainless. 24 x ½ inch diameter by ½ inch long ebonite or similar spacers. 1 x 3 inch long by ½ inch diameter stainless steel bolt, nut and washer. 2 x Nylon or Teflon machined insulators for bolt exit. 1 x 1 inch ( 24 mm.) diameter compression fitting for your cell outlet. This outlet will be a right- angle or straight fitting depending on your individual requirement. This is where your 1 inch ( 24 mm. ) outside diameter aluminium engine pipe fits in. 1 x A suitable length of 1 inch outside diameter ( 24 mm. ) aluminium tube for your cell to engine blind plug fitting. ( My tube has a 20 mm. inside diameter but this is not critical ). 1 x 1 inch ( 24 mm. ) long, ½ inch ( 13 mm. ) inside diameter stainless steel tube. This slips over the stainless steel bolt and holds the inner cylinders clear of the bottom 3 x Acrylic combs to support the inner cylinders. Optional, to be described later. Note. All components should have the minimum paramagnetic field possible. Your test magnet can be slightly attracted, but must not stick and support its own weight! All parts are to be cleansed in mild vinegar or acetic acid that has been added to juvenile water. Do not leave finger prints on any stainless steel surface. Regarding heat treating, as the Curie point of most stainless steel is 800F and higher, our heat treatment must exceed this temperature. Two methods that work are: 1. Local advice from a Melbourne heat treatment operator: he suggests to place the material in an oven at 1200F for three hours in a Nitrogen gas, then reduce the temperature slowly to atmospheric over twelve hours. 2. TM Technology, ( http://.www.tinmantech/html/faq_stainless_working_joe-c.html ) suggest 800F to 1200F for ½ to 2 hours.

B. Scelta dei materiali.

La scelta dei materiali può essere suddivisa in:

Material selection can be broken down into:

B1. Cilindri d'acciaio inossidabile e coni o cupole.

Su questo argomento sono stati scritti una quantità di buoni consigli e pure sciocchezze. Fino al punto che ci sono stati costruttori di celle negli USA che mi hanno detto che l'acciaio inox giusto di grado 316L è introvabile negli USA, e l'Australia è l'unico luogo dove può essere rinvenuto. Mi è anche stato detto da "esperti" che questo acciaio può essere prodotto solo nell'emisfero sud (a causa della rotazione del campo magnetico terrestre) ecco perchè -nella loro opinione- la cella di Joe funziona solo in Australia e Nuova Zelanda! Ho detto loro che io non posso permettermi di acquistare l'acciaio nuovo, e che io ottengo la maggior parte del materiale da rivenditori di metalli di recupero che trattano macchinari americani o britannici per lavorazioni alimentari dismessi. Allora essi pensano che stia nascondendogli la verità e che io in qualche modo rifiuti di mostrargli i "segreti" della progettazione della cella. Che vuoi farci con queste persone? Così, dove dobbiamo andare per ottenere questo materiale "inottenibile"? Qual è il confine tra fatti e finzione? Prima di tutto ricominciamo da Joe e dai suoi modelli di cella. Dovresti aver notato che storicamente ha usato plastica e acciaio inossidabile nei suoi modelli e, a prescindere dal materiale usato, tutti i tipi di celle hanno funzionato per lui. Così non c'è bisogno che sia acciaio inox! Come mostrerò in un capitolo seguente, l'acciaio inox in realtà è un materiale abbastanza pidocchioso, ma è sufficiente per questa cella. Comunque le persone -incluso Joe- che hanno sperimentato con diverse sostanze chimiche, hanno scoperto che qualche acciaio inox ha 3 vantaggi principali; rispettivamente forma un buon contenitore pressurizzato, è inattaccabile dalla maggior parte delle sostanze chimiche ed è "non-magnetico". Ora elenco alcuni degli acciai inossidabili "non-magnetici", ma per favore nota che tutti gli inox sono magnetici ad un qualche leggero grado.

  • AISI 304 Usato per i contenitori nelle industrie casearie, tessili, di vernici, di sostanze chimiche. Vulnerabile a diversi tipi di condizioni corrosive.
  • AISI 316 Parti per stabilimenti chimici e alimentari, sopporta alte temperature.
  • AISI 316L Come per il 316, ma con superiore resistenza alla corrosione quando esposto a molti tipi di composti corrosivi, così come dell'ambiente marino. Inoltre ad alte temperature ha una resistenza superiore allo strisciamento.
  • AISI 310 Parti per fornaci, tubi radianti, camere per temprare e installazioni per trattamenti termici.
  • AISI 410 Utensili di cottura, alette di turbine, crivelli per carbone, perni di pompe.
  • AISI 420 Per l'industria automobilistica ed aeronautica. Componenti come valvole, pistoni, dadi e bulloni.
  • AISI 431 Parti che richiedono la più alta resistenza alle sollecitazioni ed alla ruggine.

Ora, per ragioni che non comprendo del tutto, la confraternita della cella di Joe ha deciso che solo il 316L funziona. Ho provato continuamente che questo è un mito. Non solo quello, sfido ogni costruttore a scovare inox sulla gradazione 316L ad un rivenditore di metalli di recupero! Quello che cerchiamo sono cilindri, coni e cupole cha abbiano il minor paramagnetismo residuo. Questo è facilmente verificato portando il tuo fedele magnete in terre rare dal tuo rivenditore di metallo. Il mio magnete ha un diametro di soli 5mm ed uno spessore di 3 mm ed è attaccato ad una lenza da pesca di lunghezza conveniente. Facendo fluttuare il magnete vicino all'acciaio inossidabile vedrai molto facilmente quanto paramagnetico è l'acciaio. Controlla specialmente i cordoni di saldatura longitudinali o a spirale. Il magnete sarà attratto dal cordone, ma respinge il materiale se il cordone di saldatura è scolorato per più di ¼ di pollice ( 6 mm. ), o è di uno spessore diverso rispetto al resto del metallo, oppure il magnete si appiccica e sta lì sostenendo il proprio peso.

Note.

  • Metti sempre la custodia sul tuo magnete di test quando lo porti nel tuo portafoglio, perché esso ha una predilezione a "cancellare" carte di credito e simili prodotti con bande magnetiche!
  • Non usare un magnete di ferrite! Lo stesso vale anche per i magneti rotondi per casse audio facilmente ottenibili che ogni sperimentatore ha in abbondanza. Questi non sono neppure lontanamente abbastanza potenti e sarai deluso se pensi di aver trovato "il sospirato acciaio per celle di Joe" dal momento che l'acciaio inox passerà i tuoi test magnetici. Se hai intenzione di sottoporre a ricottura i tuoi componenti della cella dopo tutte le lavorazioni e saldature, allora non è necessario che il processo di selezione sia così rigoroso. Personalmente, io cerco comunque l'acciaio meno paramagnetico, perché non ha costi extra in un rivenditore di materiale di recupero e puoi non aver bisogno di trattare al calore la cella finita.
  • Se stai comprando pezzi d'acciaio inossidabile nuovi, preparati ad alcuni acciai inossidabili maledettamente furbi. Sembra che dipenda tremendamente dal paese di origine. Ho scoperto che l'acciaio inox certificato, avviluppato in plastica e con "316L" scritto longitudinalmente e ripetutamente lungo l'intera lunghezza generalmente va bene. Scoprirai che quando fai ruotare un buon pezzo in un tornio e l'afferri gentilmente con le mani, un buon pezzo si sente "rotondo", ma con un pezzo scadente avvertirai onde longitudinali. Analogamente quando stai tagliando un pezzo di 316L genuino sentirai uno squillo e la sega lavorerà veramente per tagliarlo. Ho tagliato alcuni cosiddetti 316L che si tagliano come il burro! Credimi, un 316L genuino è un osso duro da lavorare.

Riassunto di tutto. Dal momento che il 316L è "il meglio", cerca di comprare dei pezzi certificati 316L. Cerca di comprare dei tubi senza saldature, se puoi. Non comprare niente sulla garanzia del venditore che è non-magnetico. Controllalo! Se te lo tagliano gratis, guarda come lo tagliano e fatti tagliare i pezzi almeno 1 pollice (25 mm) più lunghi. In genere un buon fornitore ricarica circa 1 $ (ndt: 1 dollaro australiano, meno di 1€) per taglio con una sega raffreddata a liquido: in questo caso non hai bisogno di un largo margine di scarto, basta un quarto di pollice (6 mm) per le operazioni di pulizia al tornio. Accertati che non ci siano ammaccature o graffi profondi nei pezzi che acquisti. I coni sono generalmente dei riduttori che trovi già pronti e non dovresti aver problemi ad ottenere quello che vuoi (eccetto per il prezzo). I coni normalmente hanno cordoni di saldatura, dunque controlla i cordoni. Puoi trovare già pronti anche ugelli, flange, nastro, calotte di chiusura, bulloni, dadi e rondelle. Quello che puoi comprare è limitato solo dalla dimensione del tuo portafoglio. Tutti il materiale certificato, anche le rondelle, devono avere "316" scritto o stampato sul componente. Se usi terminali a cupola di diverse configurazioni geometriche, avrai bisogno che siano battuti a mano o arrotondati alle tue dimensioni. Non c'è bisogno che ti dica che qualunque cosa ha a che fare con l'acciaio inossidabile è costoso. Pensaci tre volte e compra una sola volta! Considera attentamente quale angolo sul cono vuoi usare. Per esempio, un cono riduttore da 5 pollici (125 mm) a 1 pollice (24 mm) può essere realizzato in molti angoli diversi. Non concludere che, poiché le basi del cono sono del diametro corretto, questo automaticamente realizza l'angolo ottimale sul cono.


A vast amount of good advice and pure drivel has been written on this subject. So much so, that I had cell builders from USA telling me that the right grade 316l stainless steel is unobtainable over there, and Australia is the only place that is can be sourced from! I have also been told by " experts " that this steel can only be made in the Southern Hemisphere ( due to the Earth's magnetic field rotation, ) and that is why the Joe cell only works in Australia and New Zealand! When I tell them that I cannot afford to buy new steel and obtain most of my stock via scrap metal dealers from dismantled American and British food machinery, they then think I am hiding the truth from them and that I am somehow refusing to show them the " secrets " of the cell design. What can you do with some people? So, where do we go to get this " unobtanium " material? Where is the line between fact and fiction? First of all, let's go to the start of Joe and his cell designs. You would have noticed historically that he used plastic and stainless steel in his designs and, irrespective of the material used, ALL types of cells worked for him. So it does not have to be stainless steel at all! As I will show in a later book, stainless steel is really quite a lousy material, but will suffice for this cell. However, as people, including Joe, experimented with various chemicals, they discovered that some stainless steels had three main advantages; namely, it formed a good pressure container, it was impervious to the majority of chemicals and it was " non-magnetic ". I will list some of the " non-magnetic " stainless steel, but please note that all stainless steel will be magnetic to some slight degree: AISI 304. Used in dairy, textile, dyeing and chemical industries for containers subject to different types of corrosive conditions. AISI 316. Parts for chemical and food plants, wearable for high temperature. AISI 316L. As for 316, but with superior corrosion resistance when exposed to many types of chemical corrosives, as well as marine atmospheres. It also has superior creep strength at elevated temperatures. AISI 310. Furnace parts, radiant tubes, annealing boxes and heat treatment fixtures. AISI 410. Cooking utensils, turbine blades, coal screens and pump rods. AISI 420. For the automobile and aircraft industry. Components such as valves, pistons, and nuts and bolts. AISI 431. Parts requiring highest strength and rust resistance. Now, for reasons that I do not fully understand, the Joe cell fraternity has decided that only 316L will do. I have proved over and over that this is a myth. Not only that, I would challenge any builder to pick 316L stainless from similar grades at a scrap metal dealer! What we are looking for are cylinders, cones and domes that have the least remanent paramagnetism. This is easily checked by taking your faithful rare earth magnet to your metal dealer. My magnet is only 5 mm. diameter by 3 mm thick and is attached to a convenient length of fishing line. By swinging the magnet near the stainless steel you will easily see how paramagnetic the steel is. Especially check the longitudinal or spiral seam welding. The magnet will be attracted to the seam, but reject the material if weld seam is discoloured for more than ¼ of an inch ( 6 mm. ), or it is a different thickness to the rest of the metal, or the magnet sticks and stays there supporting its own weight. Note. Always have a keeper on your test magnet when you carry it in you pocket, as it just loves to " wipe out " credit cards and similar magnetic stripe products! Do not use a ferrite magnet! similar to the easily obtainable round speaker magnets that every experimenter has in abundance. These are nowhere near strong enough and you will be deluded into thinking that you have found " Joe cell steel heaven ", as the stainless steel will pass your magnetic tests. If you plan to heat treat you cell components after all machining and welding operations, the selection process does not have to be quite so rigorous. I personally would get the least paramagnetic steel anyway, as it is no extra in a scrap dealer and you may not have to heat treat the completed cell. If you are buying new stainless stock be prepared for some awfully dodgy 316L stainless. It seems to vary tremendously with the country of origin. I have found that certified stainless in a plastic wrappers and with '316L' written longitudinally and repetitively along the whole length is generally fine. You will find that when you spin a good piece in a lathe and gently hold it with your hand, a good piece will feel " round ", but with a bad piece, you will feel longitudinal ripples. Similarly when you are cutting a piece of genuine 316L you will hear a ringing and the saw will be really working to cut it. I have cut some so-called 316L that cuts like butter! Believe me, real 316L is a bitch to work with. Summary of the above. Since 316L is " the best ", try to buy some certified 316L stock. Try to buy some seamless tube if you can. Do not buy any on some salesperson's guarantee that it is non-magnetic. Test it! If they will cut it free of charge, see how they cut it and get it cut at least 1 inch, ( 25 mm. ) oversize. Usually a top supplier will charge about a $1.00 a cut with a liquid cooled band saw. In such a case, you do not require a large waste margin, a ¼ inch will do for you truing operation on the lathe. Make sure that there are no dents or major scratches in the sections that you purchase. The cones are usually an off-the-shelf reducer and you should have no problems in getting what you want ( except for price ). The cones normally have seam welds, so check these. You can also get of-the-shelf, any compression fitting, flange, thread, blanking cap, bolts, nuts and washer. What you can buy is only limited by the size of your wallet All certified stock, even the washers, will have '316' written or stamped into the component. If you are using dome ends of varying geometrical configurations, you will have to have them hand beaten or spun to you dimensions. I don't have to tell you that anything to do with stainless is expensive. Think about it three times and buy once only! Consider carefully what cone angle you want to use. For example, a cone reducer from 5 inches to 1 inch can be made in many different angles. Do not assume, that because the end holes are the correct diameter, that this automatically makes the optimum cone angle.

B2. Materiale isolante e distanziatori dei cilindri.

FIG 18. Cell - 4 cylinder. Position of ebonite spacer insulators. I use 3 insulators for the smaller cylinders and 4 for the larger cylinders. Insert at each end of the tubes.

Il materiale isolante -usato dove il bullone da ½ pollice (12.5 mm) fuoriesce dalla base inferiore della cella- non è così critico. Ho usato nylon, teflon e simili polipropileni e policarbonati. Funzionano tutti bene. Cerca un fornitore di materie plastiche e fruga nei suoi bidoni di estrusioni di scarto, o se non funziona, occorre che ne compri un po'. Il colore non è importante. Io di preferenza uso il bianco o il biancastro. Il Teflon è di gran lunga il migliore, se puoi permettertelo. Io non l'uso. Io compro aste unte di nylon da 2 pollici (50 mm) che sono molto più economiche e che lavoro fino alle miei dimensioni finali. Gli isolanti tra i cilindri sono una storia diversa. Su di essi tendono a formarsi depositi su un lungo periodo di tempo (oltre 6 mesi). Possono anche rompersi o perdere la loro elasticità provocando il movimento dei cilindri, oppure possono disintegrarsi o trasformarsi in gelatina.

Ai miei primi inizi su questo progetto, ho copiato Joe e usavo "tubi in gomma per contatori" così come trovavo sulle strade in quell'era di monitoraggio del traffico. Questo materiale in tubi non è più usato, e non c'è niente di speciale in esso, solo a portata di mano essendo sempre posto intorno ad una strada o un'altra. (risata) Mano a mano che la mia progettazione di celle si migliorava, ho iniziato a far corrispondere i miei materiali con la polarità dell'Orgone. Ho scoperto che i prodotti a base di zolfo sono ideali per la cella acida, così ora uso aste di ebanite da mezzo pollice (12 mm). Non sto dicendo che tu cominci ad usare aste di ebanite, solo che questo è un distanziatore adatto.

L'asta di ebanite è abbastanza economica, ad esempio col diametro da mezzo pollice (12 mm) e lunga un metro costa circa 6 dollari australiani (meno di 6 €). A Melbourne la puoi ottenere da E. C. Menzies Pty. Ltd., 19 Ewing St. Brunswick. Quando si compra, quest'asta non è lucidata; se vuoi puoi lucidarla inumidendola leggermente e usando carta da smeriglio asciutta.

Puoi anche usare un tubo da pareti in silicone al 100%, oppure sugheri in gomma rossa per prodotti chimici come raccomandato da Barry Hilton. Ho provato un gruppo di tutti i tipi mescolati in una cella per vedere quale si guasta prima. Ho scoperto che dopo 6 mesi sia il tubo al silicone, sia i sugheri in gomma perdono un po' di elasticità e anche se i cilindri non sono slittati, nell'uso fuoristradistico su un 4x4 ci sarebbero stati dei problemi. Un distanziatore stabile e superiore può essere ottenuto da aste di Teflon e funziona molto bene.


The insulation material that is used where the ½ inch ( 12.5 mm. ) bolt exits the lower cell fitting is not that critical. I have used Nylon, Teflon and similar polypropylene and polycarbonates. They all work fine. Find a plastics supplier and rummage through his bin of rod offcuts, or if that fails, you will have to buy some. The colour is not important. I use a white or off white as a preference. Teflon is by far the best, if you can afford it. I do not use it. I buy 2 inch ( 50 mm. ) greasy Nylon rod that is far cheaper and that I machine to my final sizes. The insulators between the cylinders are a different story. These tend to have deposits formed on them over a long ( over 6 months ) period of time. The can also crack or loose their elasticity causing the cylinders to move, or they will disintegrate or turn to jelly. When I first started on this project, I copied Joe and used rubber " counter hose " as found on the roads in that era for traffic monitoring. This hose material is no longer in use, and there was really nothing special about it, just handy as it was always laying around on some road or other < grin >. As my cell design developed, I started matching my materials with the Orgone polarity. I found sulphur based product ideal for the acid cell, so now I use ½ inch ( 12 mm. ) ebonite rod. I am not telling you to start using ebonite rod, only that it is a suitable spacer. Ebonite rod is quite cheap eg. ½ inch diameter by a meter long is about AUS $6.00. In Melbourne you can obtain it from E. C. Menzies Pty. Ltd., 19 Ewing St. Brunswick. Phone is . As purchased, this rod is not polished and you could polish it with fine wet and dry emery paper if you so wish. You can also use 100% silicon thick wall tubing, or red rubber chemical corks of the right size as recommended by Barry Hilton. I have tried a mixed set of the above in one cell to see which would fail first. I discovered that after 6 months both the silicon tubing and the rubber corks lost some elasticity and although the cylinders had not slipped, in a four wheel drive, rough terrain application, there would have been some problems. A neutral and superior spacer can be machined from Teflon rod and it works very well.

B3. Tubo dalla cella al motore.

FIG 43. A view of the cell to engine connecting pipe. Notice that the blind plug end of the rubber tube does not have a hose fitting and thus would be a loose fit on the engine blind plug.

Questo è piacevole e veloce. Io mi sono fissato coi tubi di alluminio dal diametro esterno di 1 pollice (24 mm), con spessore di 1/16 di pollice (circa 1,6 mm) così il diametro interno è 20 mm. E' prontamente ottenibile, ragionevolmente facile da piegare, conduce elettricità e funziona bene come guida per Orgone. Ho standardizzato a 1 pollice (25 mm) il diametro esterno del tubo per tutte le celle che costruisco e fornisco e dunque le celle sono intercambiabili per individuare guasti e controllare le prestazioni. Suggerisco caldamente che i più grandi gruppi di costruttori di celle si mettano d'accordo per fissare gli standard nella progettazione delle celle che siano accettati mutuamente da tutto il mondo.

FIG 44. The internal view of the cell end of the above pipe. Note the gentle radius to limit obstructions to the Orgone flow.

Questo permetterebbe la produzione in massa di celle coi vantaggi correlati di abbattimento costi e uniformità. Possono essere usati altri diametri dei tubi e materiali diversi, non c'è una regola fissa. Se scopri qualcosa che per te funziona ed è prontamente procurabile ed economico, per favore fammelo sapere così posso aggiungerlo come aggiornarnamento a questo manuale. Per esempio, io ho usato normali tubi in plastica trasparente coperti con un foglio d'alluminio e quindi su essi ho modellato al calore un manicotto di plastica per dargli resistenza. Non efficace come l'alluminio solido, ma facile da formare e realizzare quando non hai a disposizione solidi tubi di alluminio. Questo è tutto per i materiali. La componentistica di base conta, dunque semplice e vicino alla Natura.


This one is nice and quick. I have stuck to 1 inch ( 24 mm. ) outer diameter aluminium tube, with a wall thickness of 1/16 of an inch, ( about 1.6 mm. ) so the inside diameter is 20 mm. It is readily obtainable, reasonably easy to bend, electrically conductive and works well as a guide for Orgone. I standardise on 1 inch ( 25 mm. ) outer tube diameter for all the cells that I make and supply and thus the cells are interchangeable for fault finding and performance checking. I would strongly suggest that the bigger groups involved in cell design, should agree to a set of standards for cell design that are mutually agreed to world wide. This would allow mass production of cells with the related advantage of cost cutting and uniformity. Other diameter of tubes and materials can be used, there is no rigid rule. If you find something that works for you and it is readily obtainable and cheap, please let me know so that I can add it as an update to this manual. For example, I have used normal clear plastic water tubing, covered it with aluminium foil and then I have heat shrunk a plastic sleeve over the lot to give it strength. Not as good as solid aluminium, but easy to form and easy to make when you have no access to solid aluminium tube. So there you have it for the materials. Low component count, therefore simple and close to Nature.

C. Lavorazioni d'officina.

Le lavorazioni d'officina possono essere suddivise in:

Machining operations can be broken down into;

C1. Operazioni di taglio.

Questa è una delle più importanti fasi nella costruzione della cella. Come affermato precedentemente, ogni taglio ad alta velocità fatto sul posto dal rivenditore dell'acciaio probabilmente comporta la creazione di calore. Ogni cambiamento di colore a causa del calore nell'operazione di taglio deve essere rimosso dalla lunghezza finale del componente. Ecco perchè ho suggerito di estendere i margini in B1. Se il tubo è tagliato con una lama bimetallica raffreddata a liquido o a bassa velocità di scorrimento con un disco da taglio metalli, non vedrai cambiamento di colore alcuno! Quando io taglio i miei tubi a casa, semplicemente uso una smerigliatrice angolare da 4 pollici (100 mm) in una installazione da taglio e lentamente ruoto il tubo appena taglio l'acciaio. Non ci sono cambiamenti di colore e io posso tagliare i miei tubi così vicini alla dimensione finita che il lavoro di tornitura è solo un'operazione di allineamento. Come già detto, allineo i tubi e controllo la lunghezza nel tornio a bassa velocità. Il controllo finale dei cilindri è fatto tenendo una riga metallica attraverso la cima di due cilindri. Non dovresti vedere luce sotto nessuno dei quattro punti di contatto. Io verifico tutti i miei cilindri partendo da quello da 1 pollice e procedendo verso l'esterno.


This is one of the important steps in cell construction. As previously stated, any high speed cutting at the steel supplier's premises will probably involve the creation of heat. Any colour change due to heat in the cutting operation must be removed from the final length of the component. That is why I suggested the oversize margin in B1. If the tube is cut with a liquid cooled bimetallic blade or at low feed speeds with a metal cutting disk, you will not see any colour change whatsoever! When I cut my tubing at home, I simply use a 4 inch ( 100 mm. ) angle grinder in a cutting attachment and slowly rotate the tube as I cut the steel. There is no colour change and I can cut my tubes so close to the finished size that the lathe work is only a truing operation. As mentioned above, I true the tubes and match for length at slow speed in the lathe. The final matching of the cylinders is done by holding a metal ruler across the tops of two cylinders. You should see no light under any of the four contact spots. I match all my cylinders starting at the 1 inch one and work outwards.

C2. Lucidatura.

Questa non è un'operazione difficile. Io uso carta abrasiva grado 400 e mentre la parte ruota al tornio, lucido le superfici interne ed esterne. Non lucidare lasciando scie incrociate, cioè non muovere la tua carta abrasiva lateralmente avanti e indietro velocemente. Fa il movimento trasversale lento. Ecco tutto, nessuna tecnica misteriosa.


This is not a difficult operation. I use about 400 grade emery paper and whilst the part is rotating in the lathe, I polish the internal and external tube surfaces. Do not polish to leave cross hatch marks, ie. do not move your emery paper laterally back wards and forwards at speed. Make you lateral traverses slowly. That's it, no mysterious techniques.

C3. Saldatura.

Saldo le mie parti usando Tig, Mig o semplicemente il vecchio ossiacetilene, con bacchette di 316L oppure fili. Di nuovo nessuna tecnica misteriosa, solo un buon saldatore.


I have my parts either Tig, Mig or plain old oxy acetylene welded with 316L rod or wire. Again no mysterious techniques, just a good welder.

C4. Isolanti e distanziatori.

Io preparo il mio materiale per distanziatori al tornio. Io taglio le mie aste di ebanite o Teflon a lunghezze di mezzo pollice (12 mm) al tornio. Nuovamente, nessun mistero. Come puoi vedere, non ci sono tagli al laser o controlli all'unità Angstrom per la dimensione delle parti. Non ci sono neppure saldature sommerse fatte da qualificati esperti aerospaziali. Tutte le operazioni possono essere eseguite da un buon operatore o nell'officina più vicina.


I turn my chosen spacer material on the lathe. I cut off my ebonite rod or Teflon to ½ inch ( 12 mm. ) lengths on the lathe. Ditto, no mysteries. As you can see, there is no laser cutting or matching to angstrom units for part dimensions. Nor is there any submerged welding by highly qualified aircraft experts. All operation can be performed by a handyman or the nearest machine shop.

C5. Operazioni di montaggio a pressione.

Talvolta monto ad interferenza le parti. Ogni volta, dopo il processo di montaggio a pressione, mi accerto che non ci siano variazioni nella dimensione interna e che l'interferenza sia esattamente tale, in altri termini non una spinta con le dita. Io pulisco e sgrasso con aceto la superfice prima dell'operazione di montaggio a interferenza per circa 15 minuti e poi lavo via i residui chimici in acqua giovanile. Sul lato esterno del montaggio a pressione, deposito un anello di "Araldite 24h" per sigillare ogni dispersione dell'elettrolito. L'adesivo che usi, qualunque esso sia, NON deve essere accessibile alla zona operativa interna della cella, altrimenti esso si depositerà sui cilindri e isolanti e diminuirà o "ucciderà" il funzionamento della cella. (ndt. Il montaggio a pressione è chiamato in gergo "interferenza", ed è ottenuto con presse idrauliche).


Press fit operations. I sometimes press fit components. At all times, as a result of the press fit process, I make sure that I have no change in internal dimension and the press fit is exactly that, ie. not a finger push fit. I clean and " pickle " the surface prior to the press fit operation for about 15 minutes and then wash off the chemicals in juvenile water. On the external side of the press fit, I deposit a ring of 24 hour Araldite to guard against any weepage of electrolyte. The adhesive you, use whatever it is, must not be accessible to the internal working of the cell, otherwise it will deposit itself all over the cylinders and insulators and diminish or " kill " cell operation.

D. Varianti.

Sono possibili le seguenti varianti:

The following options are possible;

D1. Costruzione di un tino da carica.

Le varianti sono relative al diametro dei coni. Come spiegato in A1, io realizzo piccoli tini da carica; Joe, Barry e altri costruiscono quelli larghi che usano coni da 10 pollici (250 mm). Ci sono variazioni nella quantità dei coni, come usati da Joe, e questo è coperto in dettaglio nel libro di Barry. Io preferisco usare 8 coni, 1 riflettore, 1 positivo, 2 negativi e 4 distanziali. Ci sono varianti anche nel metodo di supporto dei coni. Io preferisco l'asta centrale di nylon. Altri preferiscono distanziali tra i coni attorno alla bordo di coni adiacenti ed un tubo agricolo (ndt. quelli usati per irrigazione) su per il centro dei coni (vedi il libro di Barry). Come precedentemente menzionato, a meno che tu non voglia una grande quantità di acqua caricata oppure hai problemi di sporcizia, non ne hai bisogno.


Construction of a charging vat. The options are related to the cone diameters As explained in A1, I make the small charging vats; Joe, Barry and others make the large ones that use 10 inch ( 250 mm. ) cones. There are variations in the quantity of cones, as used by Joe, and this is covered in detail in Barry's book. I prefer to use 8 cones, 1 reflector, 1 positive, 2 negative and 4 " spacers ". There are also variations in the support method of the cones. I prefer the central Nylon rod. Others prefer spacers between all the cones around the periphery of adjacent cones and an agricultural pipe up the middle of the cones ( see Barry's book). As mentioned previously, unless you are after a vast quantity of charged water or have scum problems, you will not need it.

D2. Costruzione di una cella di prova a 4 cilindri.

Puoi avere il tuo contenitore esterno fatto di vetro o acrilico (Perspex), ma in ogni caso accertati che sia trasparente. L'altra variante è nel metodo di estrarre il negativo, sia con una lamina d'acciaio inox che fuoriesce dalla cima, o con un bullone d'acciaio inox che fuoriesce dal fondo. Di nuovo, dipende da te. Il bullone che spunta dal fondo è un dolore, dato che il contenitore ora deve essere supportato da una base opportuna. Inoltre, il metodo del bullone introduce ulteriori costi. Per una cella di prova, non è obbligatorio usare l'ingresso del bullone dal fondo della cella.

D2. Construction of 4 cylinder test cell. You can have the outer container made from glass or acrylic ( Perspex ), but in all cases, make sure it is clear. The other variation is in the method of extracting the negative, either with a stainless steel strap out the top, or with a stainless steel bolt out the bottom. Again, it is up to you. The bolt out the bottom is a pain, as the container now has to be supported by a suitable stand. Also, the bolt method introduces further costs. For a test cell, it is not mandatory to use a bolt entry from the bottom of the cell.

D3. Costruzione di una cella a 4 cilindri per l'auto.

Vedi gli appunti per costruire una cella a 5 cilindri per l'auto.

Costruction of 4 cylinder car cell.See notes for 5 cylinder car cell.

D4. Costruzione di una cella di prova a 5 cilindri.

Vedi gli appunti per costruire una cella di prova a 4 cilindri

Construction of 5 cylinder test cell. See notes for 4 cylinder test cell.

D5. Costruzione di una cella a 5 cilindri per l'auto

Le possibilità sono abbastanza numerose. Quelle ovvie sono la composizione degli spaziatori e degli isolanti. Questo l'ho già trattato e non mi ripeterò. Possiamo scegliere come noi uniamo il cilindro esterno o coi coni, o con le cupole o con placche. Possiamo scegliere il meccanismo di supporto per i cilindri interni. Possiamo scegliere la forma geometrica del coperchio superiore e di quello inferiore. Possiamo scegliere come uniamo il bullone da ½ pollice al tubo da 1 pollice. Possiamo scegliere il tipo di ugello.


D5. Construction of 5 cylinder car cell. The variations are quite numerous. The obvious ones are the composition of the spacers and insulators. This I have covered and will not repeat. We have a choice in the way that we " join " the outer cylinder with the cones or domes or plates . We have a choice in the support mechanism for the inner cylinders. We have a choice in the geometric shape of our top and bottom " covers ". We have a choice in the way that we attach the ½ inch bolt to the 1 inch tube. We have a choice in the outlet fitting type.

E. Assemblaggio.

E1. Tino da carica.

Ci sono diverse versioni di tino da carica. C'è una estesa dissertazione di Barry Hilton nel suo libro. Io suggerisco che il lettore ci dia un'occhiata e poi può decidere quale versione vuole costruire. In ogni caso, a parte la dimesione e alcuni dettagli minori, i tini sono molto simili. Quello che sto per descrivere è la mia versione e corrisponde all'elenco delle parti precedente. Manterrò questa sezione breve, assumendo che tu abbia visto il libro di Barry. Come puoi vedere, le foto rendono la costruzione abbastanza chiara.

E1a. Io descriverò alcuni punti che possono non essere chiari dalle fotografie:

  • Rimuovi il mandrino metallico che spunta dai rivetti perchè la testa residua non è d'acciaio inossidabile e sarà magnetica e arrugginirà.
  • La lamina d'acciaio inossidabile dai due coni negativi non deve essere tagliata, e dunque è di lunghezza continua (come descritto nel libro di Barry)
  • La funzione degli anelli-O (ndt comunque noti in gergo col termine originale O-ring), è di permettere ai gas liberati dall'elettrolisi di passare attraverso i buchi centrali tagliati irregolarmente sui coni. Tu disponi un anello-O su ogni lato degli spaziatori di nylon. Così l'ordine sarà un cono, un anello-O, uno spaziatore in nylon, un anello-O e quindi il prossimo cono e così via con il prossimo anello-O, ecc. fino a quando completi la catasta dei coni.

Come puoi vedere, ho lasciato questa sezione molto breve assumendo che la maggior parte dei lettori non costruiranno un tino da carica, o se lo fanno, sopra c'è informazione sufficiente se studi le fotografie.

There are several versions of the charging vat. There is a thorough coverage by Barry Hilton in his book. I suggest that the reader has a look and then they can decide which version they want to build. Either way, apart from size and some minor details, the vats are very similar. The one that I am about to describe is my version and matches the previous part list. I will keep this section brief, on the assumption that you have seen Barry's book. As you can see, the photos make the construction quite clear. E1a. I will mention a few pointers that may be not clear from the photographs:

  • Remove the metal mandrel head out of the pop rivets as the remanent head is not stainless steel and will be magnetic and will rust.
  • The stainless steel strap from the two negative cones must not be cut, and thus is one continuous length ( as described in Barry's book ).
  • The function of the O rings, is to allow the gasses liberated by electrolysis to pass via the irregularly cut central holes of the cones. You place one O-ring on each side of the Nylon spacers. So the order would be, one cone, one O-ring, one Nylon spacer, one O-ring and finally the next cone and so on with the next O-ring, etc. until you complete the cone stack.

As you can see, I have left this section very brief on the assumption that most readers will not build a charging vat, or if they did, there is sufficient information above if you study the photos.

E2. Cella di prova a 4 cilindri.

Non parlerò di questa cella, essendo uguale ad una cella di test a 5 cilindri meno un cilindro.

E2. 4 cylinder test cell. I will not cover this test cell, as it is the same as the 5 cylinder test cell, minus one cylinder.

E3. Cella a 4 cilindri per auto.

Non tratterò questa cella, essendo uguale alla cella per auto a 5 cilindri, meno un cilindro. Ho fornito, comunque, ampie viste fotografiche della costruzione.


I will not cover this car cell, as it is the same as the 5 cylinder car cell, minus one cylinder. I have however, provided ample photographic views of the construction.

E4. Cella di prova a 5 cilindri.

E4a. La cella di prova a 5 cilindri è simile alla cella per auto a 5 cilindri come descritta sotto in E5. Quando completi il pre-assemblaggio come in E5c, disponila a parte e procedi col passo successivo....

E4b. Qualcuno avrà trapanato il foro della dimensione giusta nel fondo del contenitore per accoppiarsi alla rondella scanalata come in E5e. Io trapano il mio foro nel vetro, usando un tubo di rame col diametro esterno della misura giusta. Io fisso questo tubo di rame in un trapano verticale che ruota lentamente e lubrifico il filo di taglio del tubo di rame con una miscela di kerosene e pasta da rettifica fine per valvole. La pasta abrasiva può essere ottenuta da ogni negozio di accessori per motori. Procedi dolcemente e comodamente, e aggiungi spesso nuova pasta abrasiva. La fretta significa un contenitore rotto, così non dire che non ti abbia avvertito. Quando hai finito, tratta con precauzione il vetro macinato, la pasta, ecc.

E4c. Monta il pre-assemblaggio dei cilindri nel contenitore di vetro come per il montaggio della cella per auto. Non stringere troppo il dado! (ndt altrimenti si sbriciola il vetro). Riempi con acqua giovanile, controlla per perdite, ecc.

E4a. The 5 cylinder test cell is similar to the 5 cylinder car cell as described in E5 below. When you complete you 5 cylinder sub-assembly as per E5c, palace it to one side and proceed with next step. E4b. Have somebody drill the appropriate size hole in the bottom of the jar to match the stepped washer as per E5e. I drill my own hole in the glass, using the right size outer diameter copper tube. I attach this copper tube in a slowly rotating vertical drill and lubricate the copper cutting edge with a mixture of kerosene and fine valve grinding compound. The grinding compound can be obtained from any motor accessory shop. Go nice and easy, and frequently add new cutting paste. Haste means a broken jar, so do not say I did not warn you. When finished, dispose of the ground glass, paste, etc. in a safe way. E4c. Assemble cylinder sub-assembly to glass jar as per car cell assembly. Do not over-tighten the nut! Fill with juvenile water, test for leaks, etc.

E5. Cella a 5 cilindri per auto.

E5a.

Piuttosto che trattare la costruzione della cella modello Mark 1, Mark 2, Mark 3, ecc. io descriverò la costruzione di un 5 cilindri che io considero come il "meglio" tra i tipi semplici di accumulatori Orgonici, che abbiamo chiamato cella di Joe. Non vedo utilità a trattare le altre varianti del semplice modello di celle a 5 cilindri, voglio solo dirti di costruire quello che ti descriverò.


Rather than covering the construction of Mark 1, Mark 2, mark 3, etc. types of cell, I will cover the construction of a 5 cylinder that I consider as the " best " of the simple type of Orgone accumulators that we have called the Joe cell. I cannot see any value in covering the other variants of simple type of 5 cylinder cells, only to tell you at the end to build the one I am about to describe.

E5b.

Accertati che le tue mani non siano unte e ri-controlla che tutti i cilindri siano puliti. Procurati un tagliere da cucina o un pezzo di MDF o truciolato oppure basterà ogni superficie levigata e piana. Noi assembliamo la cella capovolta su questa superficie piatta, e questo ci assicurerà che la cella finita sia allineata attraverso le cime dei cilindri, vale a dire il lato che è sulla superficie piana (essendo questa l'area critica!). Se i tuoi cilindri non sono perfettamente identici in lunghezza, questo metodo disporrà le irregolarità verso il fondo della cella, dove la planarità non è così importante.

  • Il primo passo è di preparare il nostro bullone da ½ pollice (12 mm), in maniera che la testa esagonale sia strettamente incastonata dentro una terminazione del cilindro da 1 pollice. Una piccola quantità è limata o tornita via dalla testa esagonale cosicchè la testa del bullone si inserisce con una stretta interferenza dentro il tubo. Ho visto bulloni con teste non lavorate martellate dentro il tubo. A seconda del bullone, questo costringe il tubo ad assumere sembianze esagonali dove la testa del bullone è forzata dentro il tubo. Funziona ancora bene, ma non è piacevole esteticamente. Se esegui il compito correttamente, ci sarà un minimo di distorsione all'esterno del tubo e l'acqua sarà in grado di fluire facilmente dentro e fuori il tubo attraverso le facce esagonali della testa del bullone, dal momento che esse non toccano le pareti interne del tubo.
  • La testa del bullone è pressata nel tubo fino a quando la base della testa è nel tubo per ¼ di pollice (6 mm). Vedi schema e fotografie. Se guardi attraverso il tubo devi vedere aperture adeguate per il flusso dell'acqua. Sui bulloni che uso, quando finisco il lavoro al tornio, tutta la forma esagonale è rimossa e devo smerigliare 3 tacche nella testa con la mia smerigliatrice angolare per fornire canali al flusso dell'acqua. Quando ruoti il tubo da 1 pollice su una superficie piana il corpo del bullone deve ruotare senza traballare. Questo assicura che tu abbia pressato la testa del bullone in asse dentro il tubo. E' facile inserire dei bulloni dentro il tubo e non tenerli concentrici-centrati col tubo. Il risultato finale è che l'intero assemblaggio dei cilindri interni sarà obliquo e interferirà con la corretta inseminazione della cella.


Make sure that you hands are not oily and re-check that all cylinders are clean. Obtain a kitchen cutting board or a piece of MDF or chip-board or any smooth and level surface will do. We will assemble the cell upside down on this flat surface, as this will ensure that the finished cell will be flat across the tops of the cylinders, ie. the side that is on the flat surface ( as this is the critical area! ). As your cylinders will not be perfectly identical in length, this method will also place the irregularities towards the bottom of the cell, where it is not as important.

  • The first step is to prepare our ½ bolt, so that the hexagon head is a tight press fit into one end of the 1 inch cylinder. A minimum amount is ground or turned to off from the hexagon head so that the bolt head is a tight interference fit inside the tube. I have seen bolts with unaltered heads hammered into the pipe. Depending on the bolt, this caused the tube to assume a hexagonal appearance where the bolt head was forced into the tube. It still works okay, but it is not aesthetically pleasing. If you perform the task correctly, there will be a minimum of distortion to the outside of the tube and the water will be able to flow easily in and out the tube via the hexagonal flats of the bolt head, as they are not touching the inside walls of the tube.
  • The head of the bolt is pressed into the tube until the bottom of the head is in the tube by ¼ of an inch or 6 mm. See diagram and picture. If you look through the tube you must see adequate clearance for water flow. On the bolts I use, when I finish the lathe work, all the hexagon shape is removed and I have to grind 3 slots in the head with my angle grinder to provide channels for water flow. When you roll the 1 inch tube on a flat surface the bolt shaft should roll with no wobble. This verifies that you have pressed the bolt head squarely into the tube. It is easy to drive some bolts into the tube and not keep it concentric-centric with the tube. The end result is that the whole inner cylinder assembly will be askew and interfere with the proper seeding of the cell.
E5c.

Ora prendi il tuo tubo da 1 pollice e mettilo eretto sul tuo tavolo di montaggio, con (ovviamente) il bullone verso la tua faccia. Ricorda che il bordo finale piatto del tubo finirà come cima dell'assemblaggio dei cilindri interni. Prendi il tuo tubo da 2 pollici, fallo scorrere sul tubo da 1 pollice e posizionalo in maniera tale che ci sia uno scostamento uguale tra i tubi di 2 pollici e 1 pollice. Mano a mano procedi nell'assemblaggio dei cilindri interni, ripeterai questo passo coi tubi da 3 e 4 pollici.

  • Prendi 3 dei tuoi spaziatori isolanti da ½ pollice (12 mm) e forzali nella intercapedine tra i tubi distanziandoli di 120 gradi. Spingi i tuoi spaziatori isolanti dentro il tubo fino a quando essi sono sotto l'orlo del tubo di ¼ di pollice (6 mm). Dal momento che io uso spaziatori in ebanite da ½ pollice, devo limarne leggermente una zona per ridurre l'intero diametro dell'ebanite prima di spingerli dentro il tubo. Io pongo la parte piatta longitudinale verso la superficie convessa -vale a dire del cilindro esterno- per avere maggiore attrito. Se usi aste di Teflon o nylon, dovrai lavorare questo fattore di tolleranza nel diametro della tua asta prima che tu la tagli nei distanziali da ½ pollice. Naturalmente, questo problema non esiste con tubi in gomma o con altri materiali malleabili. Scoprirai che se usi un materiale malleabile, nel tempo, i tuoi cilindri si abbassano e tu perderai il tuo allineamento vitale sulla parte superiore da cilindro interno a cilindro interno. In questo caso, suggerirei che tu costruisca un assemblaggio di supporto a forma di pettine sotto i clindri per sostenerli. Io li ho fatti di Perspex (acrilico) ed assomigliano ad un pettine con i denti verso l'alto. I cilindri si inseriscono nelle radici di questi denti, con la lunghezza dei denti corrispondente alla distanza tra cilindri adiacenti. Per favore resta guardingo sul tipo e quantità di acrilico che usi. Diversi sperimentatori hanno scoperto che alcuni tipi di acrilico possono cortocircuitare i cilindri se usati come distanziali o come mezzo di supporto. Evita l'acrilico e materiali simili fino a quando tu non diventi più confidente con le caratteristiche della cella.
  • Ora rovescia il tuo tubo da 1 pollice e rifai lo stesso, per i 3 isolanti sulla cima. Poichè il corpo del bullone ti ostacola quando tenti di appoggiare il tubo sulla superfice piatta, dovrai trapanare un foro da ½ pollice nel tuo tavolo da montaggio. Spero che questo non sia il tagliere o l'asse per il pane di tua moglie o della tua ragazza! Così ora il prodotto ottenuto è un cilindro da 2 pollici supportato da 3 spaziatori superiori e 3 inferiori con la superficie superiore assolutamente piatta.
  • La procedura precedente è ripetuta per l'assemblaggio tra i tuoi tubi da 2 e da 3 pollici, e per quello tra i tubi da 3 e 4 pollici. Ho scoperto che per i tubi da 3 a 4 pollici, è meglio usare 4 isolanti ad ogni base per un totale di 8 al posto di 6 spaziatori tra tubi. La ragione è che il diametro più largo del tubo da 4 pollici ora permette una considerevole flessibilità e 3 isolanti per ogni base non sono abbastanza per un fissaggio fermo.
  • Non c'è magia nella linea di allineamento degli isolanti tra tubi. Alcuni perfezionisti insistono nell'aver 3 linee radiali (come in una ruota da bicicletta a 3 raggi), che si irradiano all'esterno dal centro, con una spaziatura di 120 gradi. Ho scoperto che questo non è determinante. Ora tu hai il pre-assemblaggio dei cilindri interni completo. L'ultimo passo è di rimettere questo assemblaggio sulla tua superficie piana con la zona di lavoro a faccia in giù, e il bullone che punta in sù verso te. Ora con un mazzuolo di legno o di gomma picchietta gentilmente tutti i bordi dei cilindri, per forzare quella che diverrà la superficie superiore ad essere perfettamente piatta. Grande, ora metti da parte questo pre-assemblaggio e vediamo il resto.


Now take your 1 inch tube and place it upright on your assembly board, with ( obviously ) the bolt toward your face. Remember that the flat board end of the tube will finish up as the top of the inner cylinder assembly. Take you 2 inch tube, slip it over the 1 inch tube and position it so that there is an equal gap between the 2 inch and the 1 inch tube. As you build up your inner cylinder assembly you will repeat this step with you 3 inch and 4 inch tubes.

  • Take 3 of you chosen ½ inch (12 mm. ) long insulating spacers and force them into the gap between the tubes at 120 degree spacing. Push your insulating spacers into the tube until they are below the tube edge by ¼ of an inch ( 6 mm. ). As I use ½ inch ebonite spacers, I have to file a flat to reduce the overall diameter of the ebonite before I press fit them into the tube. I place this longitudinal flat towards the convex or outer cylinder surface for best friction fit. If you use Teflon or Nylon rod, you will have to machine this tolerance factor into you rod diameter before you cut it up into you ½ inch spacers. Naturally, this problem does not exist with rubber hose or any other malleable material. You will find that if you use a malleable material, with time, your cylinders will sag and you will lose your critical level top line-up from inner cylinder to inner cylinder. In that case, I would suggest that you make a supporting comb assembly under the cylinders to support them. I have made these out of Perspex ( acrylic ) and they resemble a comb with the teeth facing upwards. The cylinders fit in the roots of these teeth, with the teeth spacing being the gap between adjacent cylinders. Please be wary of the type and quantity of acrylic that you use. Several experimenters have found that some grades of acrylic can short circuit the cylinders if used for separators or support medium. Avoid acrylic and similar materials until you become more proficient with cell characteristics.
  • You now reverse your 1 inch tube and do the above, for the top 3 insulators. As the bolt body is obviously in you way when you try to place the tube on your flat surface, you will have to drill a ½ inch hole in your assembly board. I hope that it is not your wife's or girlfriends chopping board or bread board! So now the finished product is a 2 inch cylinder supported by 3 top and 3 bottom spacers with a dead flat relative top surface.
  • The above procedure is repeated for your 2 inch to 3 inch tubes, and your 3 inch to 4 inch tubes. I find that for the 3 inch to 4 inch tubes, it is better to use 4 insulators at each end for a total of 8 instead of 6 inter tube spacers. The reason is that the larger diameter of the 4 inch tube now allows considerable flexure and 3 insulators at each end are not enough for a firm fit.
  • There is no magic in the alignment of inter tube insulator line-up. Some perfectionists insist in having 3 radial lines ( as in three spokes of a bicycle wheel ), radiating out from the center, with 120 degree spacing. I have not found this critical. You now have a inner tube cylinder sub-assembly completed. The last step is to put the assembly back on your flat surface with the eventual working top down, and the bolt pointing up towards you. Now with a wooden or rubber mallet, gently tap all the cylinder edges, as to force the eventual top surface to be perfectly flat. Great, put this sub assembly to one side and let's move on.
E5d.

Per assemblare il contenitore esterno della cella, sono richieste le seguenti operazioni di saldatura e lavorazioni d'officina:

  • Il cono (che copre la cella) e l'ugello devono essere saldati assieme. Vorrei suggerire che il tuo ugello sia adatto per tubi dal diametro esterno di 1 pollice (24 mm). In questo modo, tutti i membri dell'associazione o gruppi più grandi sono in grado di scambiare le celle aiutandosi nella conversione delle auto. Dopo la saldatura di cui sopra, rimuovi ogni rigonfiamento che risulti dall'operazione di saldatura. Smeriglia e lucida questa giunzione, così che il passaggio dal cono all'ugello sia il più smussato che tu possa realizzare, senza ridicole rugosità. Controlla che l'unione sia a tenuta d'acqua.
  • Incastra a pressione la tua ghiera modificata ad una base del cilindro da 5 pollici, accertandoti che il cilindro da 5 pollici sporga leggermente sotto questa ghiera maschio, così che ci sia contatto metallo-a-metallo con il coperchio inferiore quando è montato e il dado da 5 pollici è avvitato. Questo passo deve anche permettere una compressione ragionevole dell'anello O-ring. Guarda le foto.
  • Salda il cono all'altra base del cilindro da 5 pollici. Come nel passo sopra, accertati che il passaggio dal cono al cilindro esterno sia levigato all'interno. Controlla che l'unione sia a tenuta d'acqua.
FIG 19. Cell - 5 cylinder. A view of the press fitted thread. Notice the position. The outer cylinder must be a metal to metal fit with the base can
  • A questo punto, dovresti trattare termicamente il tuo assemblaggio esterno per rimuovere il paramagnetismo scaturito dalle operazioni di saldatura. Io questo non lo faccio, uso l'unità così come finisce dopo le saldature e la cella lavora bene, ma per garantire il successo della tua cella, io raccomando fortemente la fase di trattamento termico. Quando l'unità ci ritorna dopo la ricottura, rilucida leggermente l'esterno e l'interno. Inoltre, in questa fase, stendi un letto di Araldite 24h, o similari, sulla giunzione -solo sulla parte esterna- della ghiera pressata e il cilindro da 5 pollici. Questo assicura che tu non avrai la più piccola perdita di elettrolita dall'incastro. Questo completa la costruzione del contenitore esterno. Disponilo vicino all'assemblaggio dei cilindri interni e continuiamo oltre.
FIG.20 Tutti i componenti necessaria per la costruzione della connessione dal polo negativo al cilindro centrale da un pollice


To assemble the outer case of the cell, the following welding and machining operations are required:

  • Have your top cone to compression fitting welded together. I would suggest that your compression fitting is designed for 1 inch ( 24 mm. ) outer diameter tube. This way, all club members or larger groups will be able to interchange cells as a help with car conversions. After the above welding, remove any " dags " that resulted from the welding operation. Grind and polish this junction, so that the internal transition from cone to outlet fitting is as smooth as you can achieve, without ridiculous fastidiousness. Check that the joint is water tight.
  • Press fit your modified thread to one end of the 5 inch cylinder, making sure that the 5 inch cylinder protrudes slightly below this male thread, so there is metal to metal contact with the lower cap when it is assembled and the 5 inch nut is done up . This step must also allow reasonable compression of the O-ring. See pictures.
  • Have the cone welded to the other end of the 5 inch cylinder. As in the step above make sure that the transition from cone to outer cylinder is smooth on the inside. Check that the joint is water tight.
  • At this stage, have you outer assembly heat treated to remove the paramagnetism from the welding operation. I do not do this, I use the unit as it ends up after welding and the cell works okay, but to guarantee the success of your cell, I would strongly recommend the heat treatment step. When the unit come back from the heat treatment people, lightly repolish the outside and inside. Also, at this stage, run a bead of 24 hour Araldite, or similar, over the outside only junction of the pressed thread ring and the 5 inch cylinder. This will ensure that you will not have any slight electrolyte weepage from the press fit. This completes the outer case construction. Place it next to you completed inner cylinder assembly and lets move on.
E5e.
FIG 24. Cell - 5 cylinder. A view of the central cylinder construction

Tutto ciò che resta da fare è completare il coperchio inferiore ed il sistema di supporto del bullone da ½ pollice. Al centro del coperchio inferiore, hai bisogno di un foro da ½ pollice (12 mm) più grande del diametro del corpo del bullone. Così per esempio, se il corpo del tuo bullone è di ½ pollice, trapanerai un foro di 1 pollice sulla lastra-coperchio inferiore. Questo permette uno spazio di ¼ pollice (6 mm) che sarà riempito dalla tua rondella isolante interna (ndt è la rondella scanalata).

  • Ora hai bisogno di un tubo (ndt inox 316L) dalle pareti sottili lungo 1 pollice (25 mm), che spingerai sul bullone fino a quando tocca la parte inferiore della testa del bullone. Accertati che il diametro esterno di questo tubicino (immanicato sul bullone) non sia così largo da bloccare il flusso dell'acqua dentro e fuori il cilindro da 1 pollice.
  • Il passo successivo è quello di realizzare 2 rondelle di nylon, teflon, ecc. La rondella interna sarà scanalata (vedi le foto). La scanalatura ha diametro interno di 1 pollice e abbastanza infossata da essere profonda quasi quanto è spesso il materiale del coperchio. Il diametro esterno di questa rondella scanalata non è un fattore critico, così circa 1.5 pollici (36 mm) vanno bene. Lo spessore di questo largo diametro corrisponde alla distanza che il bullone è inserito dentro il tubo da 1 pollice. Così, ¼ di pollice (6 mm) è la misura richiesta nel nostro esempio. Questo farà si che l'assemblaggio dei cilindri interni siano 1 pollice (24 mm) sopra il coperchio inferiore. Questo isolante ha un buco centrale trapanato attraverso esso che corrisponde esattamente al diametro della filettatura del bullone. Una stretta corrispondenza qui minimezzerà ogni perdita d'acqua giù dal bullone e dunque fuori dalla cella. L'isolante che è sul bullone sulla parte esterna del coperchio inferiore è facile da costruire. Realizzalo largo 1,5 pollici (36 mm) e spesso ¼ di pollice (6 mm). Il buco nel centro, di nuovo, è fatto per corrispondere al diametro della filettatura del bullone.
FIG 21. Cell - 5 cylinder. The correct cylinder assembly of the central cylinder bolt components

All that is left to do is to complete the lower cap and ½ inch bolt support system. In the middle of the lower cap, you will need a hole that is ½ inch ( 12 mm. ) greater in diameter than the shaft diameter of the bolt. So for example, if your bolt shaft was ½ inch diameter, you would drill a 1 inch hole in the lower cap plate. This allows a ¼ inch ( 6 mm.) gap that will be filled up by your inner insulating washer.

  • You now require a 1 inch ( 25 mm. ) length of thin wall tubing that you push onto the bolt until it touches the lower edge of the bolt head. Make sure that the outer diameter of this sleeve tube is not so large that it blocks the water flow in and out of the 1 inch cylinder.
  • The next step is to make 2 washers from Nylon, Teflon, etc. The inner washer will be stepped ( see photo ). The smaller diameter step will have a 1 inch outer diameter and deep enough to be nearly as thick as the cap material thickness. The outer diameter of this stepped washer is not critical, so about 1.5 inches will do .The thickness of this larger diameter matches the distance that the bolt is inserted inside the 1 inch tube. So, ¼ inch ( 6 mm. ) is required in our example. This will result in the inner cylinder assembly being 1 inch above the lower cap. This insulator has a central hole drilled through it to exactly match the shaft diameter of the chosen bolt. A tight fit here will minimise and water loss down the bolt and thus out of the cell. The insulator that is on the bolt on the outside of the lower cap is easier to make. Make it about ¼ inch ( 6 mm. ) thick and 1.5 inches wide. The hole in the center is again made to match the shaft diameter of the bolt.
E5f.

Ora monta l'assemblaggio dei cilindri interni sulla placca del coperchio inferiore. Con mani pulite, metti l'assemblaggio dei cilindri interni a faccia in giù, bullone in alto, sul tuo piano di lavoro. Se non l'hai già fatto, posiziona il tuo distanziale lungo 1 pollice attorno al bullone. In seguito applica Vasellina (gelatina di petrolio) generosamente tutt'attorno alla filettatura del bullone e alla rondella interna. Poni la rondella interna sul bullone in maniera tale che la scanalatura sulla rondella è di fronte a te e spalma vasellina generosamente sulla scanalatura. Ora metti il coperchio interno sul bullone nel modo giusto, cosicchè la scanalatura dell'isolante interno da 1 pollice si incastra nel buco da 1 pollice sul coperchio inferiore. Di nuovo applica generosamente Vasellina sull'isolante esterno e fallo scivolare sul bullone. Ora metti la tua rondella, l'aggancio elettrico e il dado sul bullone (vedi foto). Stringi il bullone più forte di una stretta con le mani, ma non eccessivamente. Controlla il tuo operato, accertati di rimuovere la vasellina in eccesso e assicurati anche che non ci sia alcunchè sui cilindri o sulla parte interna del coperchio di chiusura.

Now assemble the inner cylinder assembly to the lower cap plate. With clean hands, place the inner cylinder assembly top down, bolt up, on your flat plate. If not already done, slip your 1 inch long spacer sleeve onto the bolt. Next apply Vaseline ( petroleum jelly ), liberally all over the bolt shaft and inner washer. Place the inner washer onto the bolt so that the smaller diameter step is facing you and liberally cover this step with more Vaseline. Now place the lower cap onto the bolt the right way round, so that the 1 inch step of the inner insulator fits into the 1 inch hole of the lower cap. Again liberally apply Vaseline on the outer insulator and slip this over the bolt. Next, put you washer, electrical lug and nut on the bolt ( see photo ). Tighten the nut more than hand tight but not excessively. Check your handiwork, make sure you remove excess Vaseline also ensuring you do not get any on the cylinders or over the inside of the cap plate.

E5g.
FIG 23. Cell - 5 cylinder. A view of the completed cylinder assembly

Prendi il tuo contenitore esterno, spalma vasellina sull'anello O-ring, e posizionalo sul canale della filettatura maschio (ndt. ghiera) da 5 pollici. Abbassa il tuo assemblaggio interno completato e accertati che la placca del coperchio inferiore si adatti comodamente al tubo esterno da 5 pollici, senza disturbare l'anello O-ring. Prendi il tuo dado da 5 pollici e avvitalo sulla filettatura. Usa una forza ragionevole per stringerlo.

Take you outer casing, Vaseline the O-ring and sit it in the groove of the 5 inch male thread. Lower your completed inner assembly and make sure that the lower cap plate fits snugly into the 5 inch outer tube, without disturbing the O-ring. Take your 5 inch nut and screw it on the thread. Use reasonable force to do the nut up.

E5h.

Riempi la cella fino alla cima con acqua giovanile e lasciala tutta la notte su un'area o superficie dove sei in grado di vedere ogni perdita. Se non ci sono perdite, versa via l'acqua e datti una pacca sulla spalla. Perchè? Perchè hai finito. Tu puoi ora inserire acqua giovanile fresca fino al livello corretto e iniziare le operazioni di carica. Buona continuazione!

FIG 25. Cell - 5 cylinder. Completed cell. Notice the outlet compression fitting is missing

Fill the cell up right to the top with juvenile water and leave it overnight in an area or surface where you will be able to see any leaks. If there were no leaks, pour out the water and give yourself a pat on the back. Why? Because you are finished. You can now insert fresh juvenile water to the correct level and start your charging operations. Good going!